È diventata virale sui social la gaffe del sottosegretario agli Affari Esteri Manlio Di Stefano, del Movimento 5 Stelle. In un tweet pubblicato dopo le violente esplosioni avvenute martedì sera nella città di Beirut, capitale del Libano, manda un abbraccio “ai nostri amici libici”. L’errore non è passato affatto inosservato, tanto che poco dopo si è corretto scrivendo “libanesi”. Ma ormai il danno era fatto.

Subito si è scatenata l’ironia e non sono mancate anche le critiche: “Grandissimo sottosegretario agli esteri poi magari impara la geografia!”, ha commentato un utente. Tanto che poi Di Stefano è intervenuto: “Ma quale cavolata, ho semplicemente sbagliato a scrivere. Lavoro su Libia e Libano da anni come su tutto il MENA” (acronimo che sta per “Middle East and North Africa”, ndr), ha scritto rispondendo ai commenti. E poi ancora in un successivo post: “C’è poco da scherzare con queste cose, ho sbagliato a scrivere, i morti invece restano, fenomeni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ventisettenne in ospedale a Nuoro per un tuffo: il quarto incidente in un mese, dopo il video di Giulia Calcaterra

next
Articolo Successivo

Beirut, il dolore di Mika: “Straziante e lancinante, il mio cuore spezzato è con il Libano”

next