Quello che è accaduto a Beirut è “straziante“, è “lancinante”, “fa venire i brividi”. Mika ha espresso tutto il suo sgomento e dolore per quanto accaduto ieri sera nella capitale del Libano in una serie di tweet: il cantautore e showman ha infatti origini libanesi, anche se è cresciuto e ha vissuto in Gran Bretagna. “Osservo e leggo con preoccupazione, tristezza e orrore gli eventi che si svolgono a Beirut. Quello che è successo, vite ferite o perse per sempre, mi spezza il cuore – ha scritto sui social -. Non sappiamo ancora cosa sia successo, ma la sofferenza è lancinante“.

Poi Mika ha sottolineato una coincidenza che lo ha toccato particolarmente: “Il mio cuore è con Beirut e il Libano. 4 anni fa proprio oggi in cui mi esibivo a Baalbek in Libano. Ho trascorso la mattinata a guardare le foto di quella sera. Concludo la giornata guardando queste terribili immagini di Beirut che mi fanno venire i brividi”. In queste settimane si trova spesso in Italia per partecipare alle selezioni di ‘X Factor’, il talent di Sky Uno dove torna in giuria da settembre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Beirut, la gaffe del sottosegretario agli Affari Esteri Manlio Di Stefano: “Un abbraccio agli amici libici”. Poi si corregge

next