Torna con la domanda “Ricominciamo?” la dodicesima edizione di Ponza D’Autore, la storica rassegna culturale ideata dal giornalista Mediaset Gianluigi Nuzzi. Nonostante le difficoltà del post-Covid, all’appuntamento parteciperanno decine di esponenti chiave della politica, dell’economia, della cultura, della scienza e delle nuove tecnologie per affrontare i temi più caldi che stanno segnando questo momento storico. Attraverso interviste, dialoghi e dibattiti, Nuzzi cercherà di capire con i suoi ospiti cosa ci aspetta nell’imminente futuro, anche grazie all’intervento di giornalisti e direttori di testate come Roberto Bernabò, Barbara Carfagna, Eleonora Cozzella, Alessandro Giuli, Peter Gomez, Alessio Jacona e Francesco Piccinini. Fra gli ospiti più attesi ci sono i governatori regionali Stefano Bonaccini, Luca Zaia, Michele Emiliano e Donato Toma. Nella serata di oggi è prevista anche la partecipazione della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, intervistata dal direttore de Ilfattoquotidiano.it Peter Gomez, per discutere dell’avvio del nuovo anno scolastico.

Gli incontri di Ponza d’Autore 2020, organizzati e curati dall’agenzia di Barbara Castorina e Valentina Fontana (VisVerbi), non potranno svolgersi come di consueto nella piazza principale dell’isola, ma in un certo senso torneranno a casa: l’evento è organizzato negli spazi del Grand Hotel Santa Domitilla, location prestigiosa dove la rassegna è nata nell’estate 2008. Il primo dei due appuntamenti previsti per oggi venerdì 24 luglio è un dialogo a tre dal titolo “Un’estate italiana“, con Giovanni Bastianelli, direttore esecutivo di Enit (Agenzia nazionale del turismo) Roberto Bernabò, direttore del sito del Sole 24 Ore e Gianluigi Nuzzi. Nel corso del talk è previsto anche l’intervento di Flavio Briatore, del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e del molisano Donato Toma. Alle 19.30, invece, Peter Gomez intervisterà la ministra Azzolina per discutere della complessa ripartenza delle attività scolastiche attesa per settembre. Previsto anche l’intervento di Andrea Scanzi e di Daniele Grassucci, direttore del portale Skuola.net che trasmetterà in live streaming l’intero dibattito.

La giornata di sabato 25 luglio si aprirà con la consueta Edicola d’Autore, cioè la rassegna stampa mattutina a cura degli ospiti del festival. Alle 13.30 con Sapori D’Autore la giornalista enogastronomica di Repubblica Eleonora Cozzella andrà alla scoperta dei luoghi e dei personaggi simbolo della tradizione culinaria dell’isola di Ponza. Alle ore 19.00 prenderà il via il dibattito dal titolo I soliti (dis)accordi che vede schierati quattro nomi chiave del giornalismo italiano come Peter Gomez e Gianluigi Nuzzi, Alessandro Giuli e Francesco Piccinini, direttore di Fanpage.it, che si confronteranno sulla gestione dell’emergenza sanitaria durante la pandemia e della crisi economica insieme ai governatori Bonaccini e Zaia, oltre al direttore della clinica di malattie infettive dell’Ospedale San Martino di Udine Matteo Bassetti, e alla psicologa Mariarita Parsi.

La rassegna Ponza d’Autore si chiuderà domanica 26 luglio con la seconda parte del viaggio di Eleonora Cozzella tra i sapori della cucina locale e con un dibattito pubblico sul tema del 5G. Il titolo dell’incontro, moderato dal giornalista esperto di tecnologia Alessio Jacona, è: “Futura. Ecosistema 5G, accendiamo il motore della rinascita?”. Presenti la sottosegretaria allo Sviluppo economico Mirella Liuzzi, Barbara Carfagna, conduttrice per Rai 1 della trasmissione Codice: la vita è digitale, Mariarosaria Taddeo, ricercatrice presso l’Oxford Internet Institute e il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà, negli scorsi giorni al centro delle polemiche per aver sospeso attraverso un’ordinanza comunale l’installazione delle antenne 5G nella sua città. Chiude il parterre di ospiti Giovanni Ferigo, Amministratore delegato e direttore generale di Inwit, il primo Tower operator italiano da poco quotato al Ftse-Mib. Tutte e tre le serate saranno diretta streaming sulle pagine social della rassegna e, in parte, sul sito ilfattoquotidiano.it.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recovery fund, per Bagnai il debito comune non c’è: “Chi vi racconta queste storie? Momento storico? Fregnaccia che decadrà tra un mese”

next
Articolo Successivo

Grandi opere, la sostenibilità ambientale cede il passo (ancora una volta) al cemento

next