“Quando noi chiudevamo, in altre parti d’Italia si facevano iniziative pubbliche: ‘Milano non si ferma’, ‘Bergamo non si ferma’, ‘Brescia non si ferma’. Poi si sono fermati a contare le migliaia di morti. Non le centinaia, le migliaia di morti“. Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, in visita all’ospedale di Sapri (Salerno). “Provate a immaginare se Codogno fosse stato in Campania anziché in Lombardia: non avremmo potuto aprire bocca per altri 200 anni“, ha concluso.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, De Luca: “Preparo i tamponi, non so che fa il ministero…che Dio ce la mandi buona”. E ironizza su Salvini (senza nominarlo)

next
Articolo Successivo

Recovery Fund, Prodi: “Ora abbiamo le risorse, ma se non cambiamo rotta siamo finiti”

next