“Quando noi chiudevamo, in altre parti d’Italia si facevano iniziative pubbliche: ‘Milano non si ferma’, ‘Bergamo non si ferma’, ‘Brescia non si ferma’. Poi si sono fermati a contare le migliaia di morti. Non le centinaia, le migliaia di morti“. Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, in visita all’ospedale di Sapri (Salerno). “Provate a immaginare se Codogno fosse stato in Campania anziché in Lombardia: non avremmo potuto aprire bocca per altri 200 anni“, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, De Luca: “Preparo i tamponi, non so che fa il ministero…che Dio ce la mandi buona”. E ironizza su Salvini (senza nominarlo)

next
Articolo Successivo

Recovery Fund, Prodi: “Ora abbiamo le risorse, ma se non cambiamo rotta siamo finiti”

next