“Quando noi chiudevamo, in altre parti d’Italia si facevano iniziative pubbliche: ‘Milano non si ferma’, ‘Bergamo non si ferma’, ‘Brescia non si ferma’. Poi si sono fermati a contare le migliaia di morti. Non le centinaia, le migliaia di morti“. Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, in visita all’ospedale di Sapri (Salerno). “Provate a immaginare se Codogno fosse stato in Campania anziché in Lombardia: non avremmo potuto aprire bocca per altri 200 anni“, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, De Luca: “Preparo i tamponi, non so che fa il ministero…che Dio ce la mandi buona”. E ironizza su Salvini (senza nominarlo)

next
Articolo Successivo

Recovery Fund, Prodi: “Ora abbiamo le risorse, ma se non cambiamo rotta siamo finiti”

next