L’apertura delle scuole è “una scadenza delicata” e “non ci dobbiamo distrarre”. Per questo “ci stiamo preparando come regione Campania a fare 180mila tamponi a tutto il personale scolastico. Non so che farà il ministero della Pubblica istruzione…che Dio ce la mandi buona“. Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel corso di un intervento dal palco a Marina di Camerota (Salerno) durante la presentazione del nuovo depuratore. Il governatore torna poi a parlare di come la Regione ha affrontato l’epidemia: “Ho provato a immaginare cosa fosse successo se Codogno fosse stato in Campania, ci avrebbero messo in croce per altri 50 anni. E invece no, diversamente da quello che si aspettavano la nostra è la Regione che ha retto meglio”. E non manca di ironizzare su Matteo Salvini, senza nominarlo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Senato, l’operazione di tre ex fedelissimi di Berlusconi: Quagliariello, Romani e Berutti lasciano Forza Italia e vanno nel Misto

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’ultima uscita di De Luca: “‘Milano non si ferma’, ‘Bergamo non si ferma’. Poi si sono fermati a contare le migliaia di morti”

next