“I negoziati non sono ancora finiti, ma possiamo essere molto soddisfatti di essere riusciti a ottenere una riduzione dell’importo totale, che era la nostra richiesta principale, un aumento degli sconti per l’Austria e la garanzia che investimenti e riforme saranno controllati. E’ davvero un ottimo risultato”. Lo ha detto il cancelliere austriaco, Sebastian Kurz, dopo la nottata di trattative sul Recovery Fund e il bilancio al vertice Ue.

“Eravamo in quattro e ora siamo in cinque, unirci è stata sicuramente la decisione migliore” perché, davanti a Paesi come “Germania e Francia, i più piccoli da soli non avrebbero peso”, ha aggiunto Kurz spiegando che “se crei un gruppo e combatti per gli interessi comuni, puoi spingerti molto in la e sono molto felice che il gruppo dei frugali sia cresciuto perché non avremmo mai potuto raggiungere questo risultato da soli”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recovery fund, vertice notturno sulla nuova proposta: all’Italia 209 miliardi. “Persi 3,4 miliardi di sussidi ma guadagnati 35 di prestiti”. Michel: “Sono fiducioso, accordo è possibile”

next
Articolo Successivo

Recovery Fund, per dare garanzie agli scettici serve coraggio

next