Centoquaranta persone sono state “‘salvate” da un potenziale contagio di coronavirus grazie alle mascherine indossate correttamente da due parrucchiere risultate poi positive al Covid-19. La storia, avvenuta in Missouri, è riportata dall’ultimo bollettino del Cdc americano, secondo cui il caso è la prova che l’adozione di questa misura protettiva ha la capacità di limitare la diffusione delle infezioni. Entrambe le parrucchiere si sono ammalate a metà maggio, continuando però a lavorare per circa una settimana dopo i primi sintomi, attribuiti ad una allergia.

Una volta avuto l’esito del tampone sono stati rintracciati tutti e 139 i clienti che erano stati a contatto con le due donne, che avevano ricevuto tagli di capelli e permanenti, trattamenti che possono durare da 15 a 45 minuti con uno stretto contatto tra operatore e cliente.

Nessuno dei clienti contattati ha avuto sintomi nei 14 giorni successivi, e i 67 che hanno accettato un tampone sono risultati negativi. Tutti hanno dichiarato che le operatrici hanno indossato la mascherina, chirurgica o di tessuto, per tutto il tempo, così come il 98% dei clienti. “Un uso appropriato e corretto dei dispositivi di protezione per il viso è uno strumento importante per minimizzare la diffusione del virus Sars-Cov-2 da persone presintomatiche, asintomatiche o sintomatiche – scrivono gli esperti del Cdc nelle conclusioni -. Il risultato di questo studio può essere usato per le decisioni di salute pubblica”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scoiattolo positivo alla peste bubbonica in Colorado: “Fate attenzione”

next
Articolo Successivo

Si schianta volontariamente contro un semaforo, poi esce dall’auto in bikini e inizia a ballare: arrestata – VIDEO

next