Si è schiantata volontariamente contro un semaforo, poi è scesa dall’auto in bikini e si è messa a ballare in mezzo alla strada, fino a quando la polizia non è intervenuta per arrestarla. È quanto ha fatto la scorsa settimana una giovane donna a Lepe, in Andalusia, Spagna, come riferisce l’Abc: intorno alle 8,45 del mattino un’auto ha sbandato improvvisamente centrando il palo di un semaforo, con un forte boato. Dalla vettura è scesa una donna in costume da bagno che, come se niente fosse, ha iniziato a ballare in mezzo alla strada, tra lo stupore dei presenti accorsi per prestare soccorso.

Proprio uno dei presenti ha immortalato la scena in un video pubblicato sui social e diventato virale: nelle immagini si vede la donna ancheggiare in direzione dei poliziotti intervenuti e provare a toccare il viso di uno di loro che però prontamente la immobilizza. Lei si dimena ma alla fine viene immobilizzata e ammanettata dagli agenti. Come riportano i media spagnoli, la ragazza è stata poi sottoposta ai test per rilevare se avesse fatto uso di alcol o droghe ma è risultata negativa a entrambi.

Un’altra turista è stata coinvolta nell’incidente e almeno quattro persone sarebbero rimaste ferite, tutti in modo lieve, ma per tutto si è reso necessario l’intervento dei medici al pronto soccorso locale. La polizia locale di Lepe, dopo aver effettuato i test pertinenti, ha arrestato la donna con l’accusa di crimini contro la sicurezza stradale e guida pericolosa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Due parrucchiere sono positive al coronavirus: “Grazie alle mascherine però non hanno contagiato nessuna delle 150 persone incontrate”

next
Articolo Successivo

Ex infermiera confessa: “Ho ucciso 7 pazienti anziani con dosi letali di insulina”

next