Una foto capace di far tremare due sponde dell’Oceano, sia il principe Andrea a Buckingham Palace sia l’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton. Lo scatto in questione, trovato dal Telegraph, ritrae Ghislaine Maxwell, partner e complice complice di Jeffrey Epstein, sorridente seduta sul trono dove la Regina Elisabetta e il Principe Filippo sono stati incoronati nel 1953. Accanto a lei Kevin Spacey, l’attore caduto in disgrazia travolto dalle accuse di molestie sessuali.

Lo scatto risale al 2002 e coglie un momento di un tour privato: i due erano a Palazzo Reale su invito del Principe Andrea, il figlio della Regina (implicato nello scandalo Epstein nonostante le ripetute smentite) dopo essere volati Londra per accompagnare Bill Clinton, che nel 2002 aveva da poco lasciato la Casa Bianca ed era atteso a un evento del partito laburista.

Da qui l’effetto domino anche fra gli altri vip che potrebbero essere trascinati nello scandalo Epstein. Ora che Ghislaine è stata arrestata infatti potrebbe decidere di collaborare con le autorità americane, accusando molte persone. A cominciare dal Duca di York, grande amico di Epstein e ritratto in diverse foto con la principale accusatrice del finanziere pedofilo, Virginia Giuffrè. C’è poi Bill Clinton: l’ex presidente americano non è nuovo a scandali sessuali ma il caso Epstein rischia di macchiare in via definitiva la sua carriera politica pesando in modo determinante anche su quella della moglie, l’ex segretario di Stato Hillary Clinton.

Ci sono poi, fra gli altri, il miliardario di hedge fund Glenn Dubin, l’ex premier di Israele Ehud Barak, l’ex segretario al Tesoro americano Larry Summers, l’ex di Victoria Secret Leslie Wexner, ma anche l’ex governatore del New Mexico Bill Richardson. Secondo alcune fonti, Maxwell non svenderà mai il Principe Andrea perché lo considera un vero amico. Forse anche per l’ammirazione che nutre per la corona britannica visto che ha trascorso buona parte della sua vita nella capitale inglese. Tutti gli altri però sono potenzialmente esposti, tanto che alcuni amici di Ghislaine la ritengono in pericolo e temono per lei la stessa sorte di Epstein. Il finanziere si è suicidato nel carcere di New York dove era rinchiuso, ma al suo suicidio ancora molti non credono: le voci sul fatto che si stato ucciso non si sono ancora smorzate nonostante l’esito dell’autopsia. Ghislaine rischia di finire nello stesso carcere di Epstein e sarà probabilmente sottoposta a una sorveglianza stretta affinché non si tolga la vita

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Robin Soderling: “Sono caduto in un abisso. Spesso ho cercato su Google come uccidermi”: la confessione dell’ex tennista

next
Articolo Successivo

Ennio Morricone morto, Mattarella: “Insigne e geniale, ha diffuso il prestigio dell’Italia nel mondo”. Da Conte a Sassoli: l’addio al maestro del mondo politico

next