Ha iniziato ad accusare i sintomi del Covid appena rientrato dai Balcani: febbre a 38, malessere generale, inappetenza. Ma non è stato sufficiente per restare a casa in isolamento, come prevedono le norme anti contagio. È andato a un funerale, nonostante i sintomi, e poi a un’affollata festa di compleanno. Risultato: un nuovo focolaio in provincia di Vicenza, 89 persone in quarantena, tamponi a tappeto a centinaia di persone. Il Corriere della Sera ha ricostruito gli spostamenti dell’azienda Laserjet di Pojana Maggiore, dal primo viaggio in Serbia, il 18 giugno, fino al tampone e al primo rifiuto del ricovero. Per poi cedere, qualche giorno dopo, all’aggravarsi delle sue condizioni: l’uomo ora si trova nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Vicenza, intubato.

Il dirigente si sarebbe contagiato durante un viaggio di lavoro in Serbia, dove sarebbe entrato in contatto con un settantenne sintomatico, oggi in rianimazione nel suo Paese. Nel viaggio (in furgone) lo accompagnava un operaio. Qualche giorno dopo, un secondo viaggio, in Bosnia, insieme ad altri due operai. Tornato il 25 giugno, già il giorno seguente ha iniziato a manifestare i sintomi del Covid: febbre alta, malessere generale, stanchezza. Nonostante questo, è uscito e ha incontrato persone: prima a un funerale, dove è stato visto abbracciare vedova e parenti del defunto, e poi a un compleanno. Una festa all’aperto, dove c’era – scrive il Corriere – anche Giuseppe Cruciani, che però se ne sarebbe andato prima dell’arrivo del dirigente sintomatico. Solo il giorno dopo la festa l’uomo si è presentato all’Ospedale di Noventa vicentina per un tampone: positivo. Trasferito all’ospedale San Bortolo di Vicenza, gli è stato consigliato il ricovero, ma ha preferito tornare a casa.

Il ricovero c’è stato solo tre giorni dopo, per le insistenze degli operatori sanitari e del sindaco. E perché le condizioni erano ormai gravi, così da non lasciare altra scelta.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riccione, 17enne annega in mare. Stava facendo il bagno all’alba con un’amica

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Crisanti: “Focolai in Veneto? Zaia dovrebbe prendersela con i tecnici più che con i cittadini. Troppi messaggi contraddittori”

next