Fendenti sparsi ai sovranisti e Matteo Salvini, mai nominato esplicitamente, quelli sferrati nella sua consueta diretta informativa su Facebook dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che premette di non voler perdere tempo nel commentare la doppia visita di Matteo Salvini a Mondragone (“eventi che hanno fatto molto rumore ma che sono assolutamente insignificanti”).

De Luca ribadisce la sua contrarietà alla data fissata a settembre per le regionali e aggiunge un monito al governo circa il Mes: “Non entro nella polemica sul suo utilizzo. Anche qui abbiamo l’abitudine a produrre chiacchiere al vento. L’utilizzo del Mes ha come destinazione la materia sanitaria e tutto quello che è connesso, il che è una materia sconfinata. Dal mio punto di vista, sarebbe un atto di totale irresponsabilità non utilizzare 37 miliardi. Ora – continua – questi 37 miliardi dovrebbero essere divisi tra le Regioni. E qui emerge un problema sconvolgente, che riguarda la Campania come regione più penalizzata d’Italia, il governo italiano e anche quelli che hanno fatto finta di portare le bandiere tricolori in piazza il 2 giugno. Quando, però, si tratta di far prevalere l’unità nazionale, la coesione e il rispetto per tutti i cittadini italiani, non si sentono più. La bandiera italiana se la dimenticano ”.

E spiega: “Un giornale nazionale ha pubblicato una ipotesi di distribuzione dei 37 miliardi tra le regioni italiane. Questa ipotesi, che qualcuno ha in testa e che ricalca il riparto già fatto del Fondo sanitario Nazionale, prevede cose vergognose. La Campania dovrebbe ricevere 2 miliardi e 725 milioni di euro, il Veneto 3 miliardi e 12 milioni, cioè 300 milioni più della Campania, pur avendo quasi un milione di abitanti in meno. Il Piemonte avrebbe le stesse risorse della Campania, avendo un milione e mezzo di abitanti in meno. L’Emilia Romagna otterrebbe 25 milioni di euro in più, avendo quasi un milione e mezzo di abitanti in meno della Campania. Il Lazio riceverebbe 850 milioni in più, pur avendo la stessa popolazione della Campania. La Lombardia – prosegue – che ha 4 milioni di abitanti in più della Campania, avrebbe 6 miliardi e 158 milioni, cioè dovrebbe avere due volte e mezzo in più rispetto alla Campania. Ma le risorse che avrebbe con questo riparto non sono due volte e mezzo in più. Io sto ad aspettare. Voglio vedere fino a che punto di indecenza riusciremo ad arrivare in questo Paese. Aspetterò al varco tutte le forze politiche, nessuna esclusa. Voglio vedere se almeno con queste risorse aggiuntive del Mes daranno ai cittadini italiani le stesse risorse”.

Il presidente campano scodella poi tutti i successi del suo governo regionale, cadenzando ironicamente il suo elenco con una stoccata a Salvini: “Anche questo è un altro punto di eccellenza e di primato che la Campania vanta. Sono primati che mi permetto di sottolineare con umiltà. Chiedo sempre scusa, ma sono piccole soddisfazioni e piccole gratificazioni, che ci vorranno concedere i sovranisti”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Gasparri e la pensione da giornalista, Di Nicola (M5s): “Problema non è lui ma il sistema del doppio assegno. È privilegio da cancellare”

next
Articolo Successivo

Scilipoti, il ritorno: consulente per la sanità siciliana, voluto dall’assessore di Musumeci. “La politica non c’entra, sono un tecnico”

next