Niente scuse da parte della Lega e del suo segretario Matteo Salvini, per gli assembramenti, le regole di distanziamento sociale non rispettate e per la manifestazione del centrodestra del 2 giugno trasformata da presidio simbolico a corteo senza regole. “Mea culpa per selfie senza mascherina e norme non rispettate? Il problema degli italiani è la cassa integrazione. Io ringrazio gli italiani che stanno dimostrando enorme buonsenso, cerchiamo di risolvere i problemi di lavoro e cassa integrazione”, ha tagliato corto il leader della Lega, replicando al Fattoquotidiano.it, di fronte alla sede di Anpal servizi, per poi finire contestato dai precari storici che rivendicano la stabilizzazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sala, dal “nuovo socialismo” agli incontri con Grillo: “Un altro governo Conte? Inevitabile. Per l’autunno drammatico servono i migliori”

next
Articolo Successivo

Lavoro, Salvini e Durigon incontrano Parisi alla sede dell’Anpal. Precari li contestano: “Via gli sciacalli, mai occupati delle stabilizzazioni”

next