“Sono qua alle porte di Caserta, sono stato a Mondragone. Era in programma un incontro con mamme e agricoltori e inquilini di un quartiere di Mondragone, ma i soliti delinquenti criminali teppisti dei centri sociali hanno sfasciato tutto”, così Matteo Salvini dopo quanto successo nel pomeriggio a Mondragone. Un gruppo di cittadini ha protestato contro il leader della Lega, costringendolo a fermare il comizio. “Hanno lanciato di tutto, bottiglie, uova, bastoni, sputi, acqua – continua – non fanno paura a me, ma c’erano tante mamme bambini. Alcune le abbiamo prese in braccio per toglierle da quella calca”. E conclude: “Ci torniamo, a Mondragone, a Caserta a Castel Volturno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Successivo

Decreto semplificazioni, la riforma dell’abuso d’ufficio e quella (a tempo) del danno erariale: sarà più rischioso “non fare” che “fare male”

next