Mentre proseguono le indagini sull’aggressione omofoba di Pescara – dove un 25enne che passeggiava con il fidanzato è finito in ospedale con la mascella spaccata – il Consiglio comunale ha bocciato una mozione per condannare gli episodi di omofobia e transfobia e di costituirsi parte civile: l’ordine del giorno è stato respinto con il voto contrario di tutto il centrodestra. Deluso il sindaco Carlo Masci, nel corso di un suo intervento aveva sollecitato “un atto di responsabilità” da parte di tutti.

L’ordine del giorno era stato presentato dal consigliere Giovanni Di Iacovo (Pescara Città Aperta) e sostenuto dal centrosinistra, per invitare il sindaco e la Giunta a “dichiarare e ribadire che Pescara è una città che non discrimina e che ama e rispetta i suoi cittadini omosessuali e transessuali e che condanna senza appello qualunque atto di omotransbifobia”. Per dare concretezza a queste intenzioni, la mozione presentava quattro proposte: “Impegnarsi attivamente nei confronti della Regione e del Governo, di concerto con le associazioni Lgbtq+, per accelerare la stesura e l’approvazione di una legge contro l’omotransfobia che la qualifichi come crimini d’odio, costituire il Comune di Pescara parte civile contro le aggressioni omofobe, aderire alla rete degli enti locali contro le discriminazioni Re.A.Dy; individuare una figura nell’amministrazione che funga da concreto interlocutore per le associazioni del Pride per poter dare loro sostegno organizzativo e garantire la corretta organizzazione del corteo-parade del Pride 2021 che quest’anno è stato rimandato”.

Il documento però non è stato votato dalla maggioranza: il sindaco Carlo Masci si è detto “addolorato” per non aver visto unità e coesione da parte di tutte le forze politiche: “Non sono queste le occasioni per dimostrarsi abbarbicati a una visione politica che intende forzare la realtà per dare la propria connotazione a un episodio che va stigmatizzato senza se e senza ma“.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Fino a 4 anni di carcere per chi istiga alla violenza omofobica”. Depositato il testo base della proposta di legge a Montecitorio

next
Articolo Successivo

L’omofobia ha una dimensione privata ma coinvolge tutti: in Italia è ancora ‘Caccia all’omo’

next