Passi in avanti sul tema dell’accoglienza, con la reintroduzione del sistema Sprar, e sull’allargamento della platea per i permessi speciali. Ancora distanze invece sulle tempistiche del provvedimento e sul nodo delle multe alle ong. Questo l’esito della terza riunione al Viminale tra i partiti della maggioranza sulla revisione dei decreti Sicurezza, provvedimento simbolo delle politiche di Matteo Salvini durante il passato governo a maggioranza M5s-Lega. Una modifica da tempo promessa dall’esecutivo, sulla quale spingono Pd, Leu e Italia Viva, mentre il M5s, pur cedendo rispetto all’iniziale richiesta di limitare le modifiche soltanto sui rilievi mossi dal Colle (in particolare sulle tema delle sanzioni), continua a rivendicare la necessità di maggiore tempo. Quindi, di uno slittamento a settembre: “C’è un ingorgo normativo nelle commissioni, prendiamoci tutto il tempo per discutere e affrontiamo dopo l’estate” spiega la deputata Vittoria Baldino, presente per i pentastellati al vertice insieme al collega Giuseppe Brescia. Per il Pd, invece, insieme al viceministro Matteo Mauri, c’era il responsabile sicurezza dei Dem Carmelo Miceli. “Sono stati fatti importanti passi avanti, sui tempi è soltanto una questione tecnica e come tale verrà risolta”, minimizza Mauri. Ma da LeU insiste Loredana De Petris: “Serve almeno incardinare il provvedimento in una delle due Camere prima dell’estate, abbiamo già aspettato troppo tempo”.

Ma, al di là dei tempi, il nodo della discordia resta il tema delle multe, con Pd e LeU in particolare che chiedono che vengano eliminate, non soltanto ridotte (da fino a un milione, al ritorno all’importo da 10 a 50mila euro, ndr). Perché, ammette anche il vicesegretario Pd Andrea Orlando, mantenere le multe significa di fatto “continuare a punire chi salva vite in mare, quindi una contraddizione grande”. “Mantenere le multe per noi è inaccettabile. Esiste un codice di navigazione, qualora ci fosse un reato è già tutto scritto e disciplinato. Basta accanimento e pregiudizi verso chi fa attività di soccorso”, aggiunge De Petris. Ma dal M5s insistono affinché le sanzioni restino. Tradotto, servirà almeno un’altra riunione (calendarizzata il 9 luglio) prima di arrivare a un testo condiviso. Con i tempi che slitteranno, volente o nolente, prima dell’arrivo del testo in Consiglio dei ministri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi, Forza Italia scatenata alla Camera. Chiede una commissione d’inchiesta e alza gli striscioni per “verità e giustizia”: seduta sospesa

next
Articolo Successivo

Dl Semplificazioni, Costa: “Rischio condono? Qualcosa sta già cambiando, ne discuteremo ancora. Giovedì avremo norma”

next