Prima le statue, ora le bandiere. Sull’onda delle proteste nate dopo l‘uccisione dell’afromericano George Floyd, soffocato da un agente di polizia durante un controllo, è tornata a far discutere la presenza dell’emblema confederato sulla bandiera del Mississippi, utilizzato dagli Stati schiavisti che persero la guerra civile e per questo motivo visto da molti come un simbolo razzista. Entrambe le Camere hanno votato a favore della rimozione, proposta dai democratici del Congresso locale, guidato dai repubblicani: ora può essere formalmente introdotto un disegno di legge per cambiare la bandiera.

Il Mississippi è l’ultimo Stato americano ad avere ancora l’emblema confederato sulla propria bandiera. Se il disegno di legge verrà approvato, una commissione progetterà una nuova bandiera, da votare a novembre. Non dovrebbero esserci ostacoli, anche perché il governatore repubblicano Tate Reeves ha detto che avrebbe firmato la legge se fosse stata approvata in Congresso.

“La discussione sulla bandiera del 1894 è diventata divisiva quanto la bandiera stessa, ed è ora di finirla“, ha scritto su Twitter il governatore, aggiungendo: “Non dobbiamo illuderci che un voto in Campidoglio basti, il compito che abbiamo di fronte è riunire lo Stato”. La deputata democratica afroamericana Barbara Blackmon ha commentato: “Non avrei mai pensato di vedere la bandiera cadere durante la mia vita”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, Trump pubblica video coi suoi fan che urlano ‘white power’. Poi lo cancella dopo le polemiche

next
Articolo Successivo

George Floyd, tentano di abbattere la statua dell’ex presidente Jackson davanti alla Casa Bianca: uno arrestato e 3 incriminati

next