È ancora lunga la strada verso la gender equality. A dimostrarlo le dimissioni che l’Ispettorato del lavoro (Inl) ha registrato nel corso del 2019: in un solo anno 51.558 lavoratori neo-genitori hanno lasciato il posto di lavoro e nel 73% dei casi sono mamme. Nello specifico 37.611 donne si sono dimesse, più del doppio rispetto ai papà (13.947). L’analisi dell’Inl ha evidenziato anche un “leggero incremento sull’anno precedente (+4%). E come di consueto, la maggior parte ha riguardato le donne”.

L’Ispettorato, che ogni anno aggiorna le convalide di dimissioni e risoluzioni consensuali di madri e padri per contrastare il cosiddetto fenomeno delle ‘dimissioni in bianco’ (quando vengono fatte firmare al dipendente le proprie dimissioni al momento dell’assunzione), nell’indagine realizzata analizzando i casi di lavoratori con figli sotto i tre anni ha evidenziato una realtà non nuova per il genere femminile. Conciliare lavoro e famiglia non è facile, ma è un problema che ricade ancora oggi soprattutto sulle donne: questa infatti è una delle principali ragioni per cui si abbandona il lavoro. Senza nonni o privi di altri parenti a cui affidare i figli o con risorse economiche non sufficienti per permettersi gli alti costi di asili nido o baby sitter, per questo più di 21mila dipendenti si sono dimessi. Per altri 20mila, invece, la motivazione è legata al “passaggio a un’altra azienda”.

Se in quasi tutti i casi si è trattato di dimissioni volontarie (49mila), i restanti sono licenziamenti per “giusta causa” (1.666), determinati quando il lavoratore lascia in tronco a seguito di un inadempimento del datore di lavoro (ad esempio perché non gli è stato pagato lo stipendio) e per un numero più piccolo si tratta, invece, di dimissioni consensuali (884), ovvero quando entrambe le parti, insieme, decidono di interrompere il contratto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondi per la formazione, misurare gli impatti è utile per tutelare i lavoratori più fragili

next
Articolo Successivo

Cnhi, ordini giù nel post-Covid per l’azienda del gruppo Exor: a rischio Brescia e Lecce. I sindacati: “Mantengano impegni di marzo”

next