Tra i vari appuntamenti di giovedì, nel corso della seduta plenaria del Parlamento europeo, c’è anche il voto sul mandato della commissione speciale sull’interferenza straniera in tutti i processi democratici dell’Unione europea, compresa la disinformazione. Una commissione, questa, fortemente voluta dal gruppo Socialista ma che invece è indigesta a Identità e Democrazia, di cui fa parte anche la Lega. Così gli eurodeputati sovranisti hanno pensato di presentare un emendamento in cui si chiede la creazione di “un ministero della Verità dell’Ue”.

La mossa orwelliana, in riferimento a uno dei ministeri della dittatura di Oceania raccontata nel romanzo distopico 1984 dello scrittore britannico, ha chiaramente un intento ironico, ma sottolinea, se ce ne fosse bisogno, la completa avversione del gruppo europeo alla nascita della commissione speciale.

Una proposta tanto ponderata da essere introdotta anche da una premessa: “Considerando che le ingerenze straniere sono usate in combinazione con pressioni economiche e militari per danneggiare l’unità europea, che anche nel migliore dei casi è fragile – si legge nel testo dell’emendamento -, si decide di costituire una commissione speciale sulle ingerenze straniere in tutti i processi democratici dell’Unione europea, inclusa la disinformazione (in altre parole, un ministero della Verità dell’Ue)”.

L’intento di leghisti e compagni non è certo quello di creare un Grande Fratello in stile orwelliano. Anzi, proprio il riferimento letterario viene usato per sbeffeggiare i sostenitori della commissione speciale, equiparandoli proprio al grande controllore del romanzo. La bocciatura dell’emendamento è dietro l’angolo, ma gli eurodeputati dovranno comunque votarlo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

George Floyd, il discorso di von der Leyen al Parlamento: “In Ue non c’è spazio per il razzismo, il nostro motto è uniti nella diversità”

next
Articolo Successivo

Razzismo, l’eurodeputata nata in Mali: “Io aggredita dalla polizia belga”. Sassoli: “Chiederemo spiegazioni”

next