Dopo oltre due anni di governo grillino, il punto sulla Giustizia, da loro amministrata, si può fare. E basterebbe prendere i numeri e leggere gli ultimi avvenimenti – scarcerazione per decorrenza dei termini di Carminati e scarcerazioni dei vari boss mafiosi – per capire come il Ministero amministrato da Alfonso Bonafede desti forti preoccupazioni.

Riforme reali ed utili mai fatte ma solo propaganda demagogica e nulla di più. L’esempio classico è sulla prescrizione: una riforma completamente sbagliata e superata dalla realtà e dalle reali condizioni dei tribunali italiani e dalla condizioni delle carceri. I processi arrivano già morti prima di iniziare e la prescrizione nulla c’entra. Senza poi considerare la carenza cronica di magistrati e cancellieri in molti tribunali.

Il quadro – se possibile – si è ampliato in peggio dall’emergenza Covid che vede il sistema giudiziario completamente impantanato e organizzato in ordine sparso.

Oltre a questo le continue ombre lanciate insistentemente dal consigliere del Csm, Nino Di Matteo, sulla sua mancata nomina al Dap. E le intercettazioni di Luca Palamara che disegnano un sistema di correnti nella magistratura che si intreccia con disinvoltura con politica, giornalismo e ogni altro tipo di potere.

Insomma uno scenario molto preoccupante e che evidentemente tutti hanno timore ad affrontare.

E diciamo la verità. Se al Ministero della Giustizia ci fosse stato un altro partito oggi i grillini avrebbero fatto la loro classica sceneggiata e riempito le tv e i giornali – oltre ai social – di insulti e improperi contro la casta. Immaginatevi voi se Carminati e i boss mafiosi fossero usciti dal carcere con al Ministero un politico di un altro colore.

Il finimondo.

Ma questo è quello che sta accadendo e purtroppo non se ne vede una luce. La giustizia grillina è al lavoro da due anni e questi sono i risultati, una discesa senza fine e nessuna reale prospettiva.

Basterebbe andare un giorno in tribunale o nelle carceri per capire veramente di cosa si parla. Fare oggi una causa è vedere una sentenza civile veloce è impossibile. Nel campo penale anche peggio. I criminali ringraziano e le vittime non trovano il giusto conforto. Sulla questione poi, della sempre dimenticata, funzione rieducativa della pena neanche ne parliamo più.

Ma il problema vero è che tutto questo continua ad allontanare gli investitori che non si sentono sicuri e che vedono un sistema giudiziario inefficace e pericoloso. Un Paese così di certo non può definirsi civile. Ecco, che avrebbero detto oggi i grillini di allora?

Questo è il frutto della incompetenza al potere e della facile propaganda populistica fatta quando si era all’opposizione. E i risultati poi si vedono senza scusanti. Questa è l’idea di Giustizia? Quelli che dicevano basta anche il sospetto per doversi dimettere. Ad oggi questi i risultati: un disastro.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezuela, presunto finanziamento al M5s nel 2010: la procura di Milano apre fascicolo conoscitivo. Verifiche su autenticità del dossier

next
Articolo Successivo

Migranti, cibo scaduto e fatture false per intascare soldi pubblici: 3 arresti e 38 indagati. Anche ex direttore Caritas di Bergamo

next