Essere gay in un paese arabo? “Mio padre (quando lo ha saputo ndr.) ha preso un fucile, me lo ha puntato in faccia, ha premuto il grilletto e ha sparato in aria. Poi mi ha picchiato con un bastone”, a parlare è Mudi, ragazzo siriano musulmano di 19 anni, che ora, dopo il coming out, è stato ripudiato e abbandonato dalla famiglia. L’inchiesta di Sono le Venti, il programma di Peter Gomez in onda sul Nove alle 19,53 sull’omosessualità nei paesi arabi. Oggi si sarebbero dovuti tenere i gay pride in tutto il mondo, annullati a causa del coronavirus.

SONO LE VENTI, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dodici palleggi per sostenere Save the Children contro il lavoro minorile: la sfida social di Alessandro Del Piero

next
Articolo Successivo

Il virus fa meno paura del futuro agli invalidi. Ora si metta mano alla legge sul fine vita

next