Lutto nel mondo della musica. Pau Donés degli Jarabedepalo – tra i loro successi “La Flaca” e “Depende” – è morto a soli 53 anni, dopo una lunga battaglia contro il cancro iniziata ad agosto del 2015. A comunicare la triste notizie la famiglia dell’artista con un post su Instragram. “La famiglia Donés Cirera comunica che Pau Donés è morto il 9 giugno 2020 a causa del cancro contro cui ha lottato dall’agosto del 2015. – recita il comunicato – Vogliamo ringraziare il team medico e tutto il personale dell’ospedale Vall de Hebrón, l’ospedale di Sant Joan Despí Moisès Broggi, l’ICO (Institut Català d’Oncologia), Servei de Paliatius dell’Ospedale de Viella e il VHIO (Istituto Oncologico di Vall Hebrón) per tutto il loro lavoro e la dedizione, durante tutto questo tempo. Chiediamo il massimo rispetto e privacy in questo momento così difficile”. Il musicista era separato e ha una figlia, Sara.

Pau Donés si era ritirato dalla attività Live, ma non dalla musica due anni fa: “Voglio tranquillizzare tutti: sto bene. O meglio, ho sempre il cancro, ma mi curo e le terapie sembrano funzionare bene. Non sto lasciando la musica perché sto per morire – aveva dichiarato in una intervista a 20 minutos.es – Lascio le scene perché è il momento giusto, e perché non voglio più perdermi le cose importanti della vita. L’artista, nato a Montanuy (Huesca) e cresciuto a Barcellona, aveva pubblicato il suo quattordicesimo album “Tragas o escupes” lo scorso 26 maggio, trainato dal singolo omonimo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nicola Porro contro Roberto Burioni: “Il testa di min***a che vorresti prendere a calci nel sedere”

next
Articolo Successivo

“Romina Power furiosa si prepara a lasciare la Puglia: tutta colpa di Loredana Lecciso”. Ecco cosa è successo a Cellino San Marco

next