Il sindaco di Minneapolis, Jacob Fray, democratico, sin dall’inizio duro contro le violenze della polizia dopo la morte dell’afroamericano George Floyd, è stato contestato da un nutrito gruppo di manifestanti. Prima lo hanno lasciato parlare poi lo hanno duramente contestato, quando ha rifiutato di tagliare i fondi alla polizia. Fray non ha risposto a una giovane manifestante che gli ha ricordato: “Noi non vogliamo più polizia, chiaro? Non vogliamo vedere in giro persone che impugnano una pistola andare in giro nella nostra comunità e sparare”. “Jacob vai a casa, Jacob vai a casa”, hanno gridato le persone. Alla fine, in solitudine, il sindaco è stato costretto a lasciare la manifestazione mentre gli gridavano “vergogna”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

George Floyd, ad Atlanta la Guardia nazionale balla la Macarena prima del coprifuoco: polemiche per il gesto

next
Articolo Successivo

Il Brasile testerà il vaccino di Oxford. Ma intanto nasconde i dati sulle vittime di coronavirus

next