Il sindaco di Minneapolis, Jacob Fray, democratico, sin dall’inizio duro contro le violenze della polizia dopo la morte dell’afroamericano George Floyd, è stato contestato da un nutrito gruppo di manifestanti. Prima lo hanno lasciato parlare poi lo hanno duramente contestato, quando ha rifiutato di tagliare i fondi alla polizia. Fray non ha risposto a una giovane manifestante che gli ha ricordato: “Noi non vogliamo più polizia, chiaro? Non vogliamo vedere in giro persone che impugnano una pistola andare in giro nella nostra comunità e sparare”. “Jacob vai a casa, Jacob vai a casa”, hanno gridato le persone. Alla fine, in solitudine, il sindaco è stato costretto a lasciare la manifestazione mentre gli gridavano “vergogna”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

George Floyd, ad Atlanta la Guardia nazionale balla la Macarena prima del coprifuoco: polemiche per il gesto

next
Articolo Successivo

Il Brasile testerà il vaccino di Oxford. Ma intanto nasconde i dati sulle vittime di coronavirus

next