Joe Biden ha superato The magic number ed è ufficialmente il candidato dei Democratici che sfiderà il presidente Donald Trump alla prossime elezioni di novembre per la corsa alla Casa Bianca. L’ex vicepresidente dell’amministrazione Obama ha conquistato 1.995 delegati, superando la soglia di 1.991 necessaria per ottenere la nomination alla convention dell’estate prossima. Poco più di una formalità, in realtà, visto che era rimasto l’unico candidato in corsa dopo il breve testa a testa con Bernie Sanders che, l’8 aprile scorso, aveva deciso di ritirarsi dalla corsa dopo aver inanellato una serie di sconfitte alle primarie Dem. “È stato un onore competere con uno dei gruppi di candidati più di talento che il Partito Democratico abbia mai avuto e sono orgoglioso di dire che entriamo in queste elezioni generali come un partito unito”, ha commentato il 78enne che, con molti Stati che hanno rimandato lo svolgimento delle primarie a causa dell’emergenza Covid-19, ha ottenuto la certezza matematica della nomination solo dopo che martedì scorso si è votato in sette stati e nel distretto di Columbia.

Adesso il prossimo obiettivo a cui guardare sono le elezioni del 3 novembre che, causa anche la pandemia di coronavirus che sta ancora affliggendo il Paese, si annunciano più imprevedibili delle previsioni. Gli ultimi sondaggi danno comunque il candidato Dem in netto vantaggio sul presidente repubblicano, quando mancano 5 mesi al voto Usa. In base al sito specializzato RealClearPolitics, che elabora una media delle principali rilevazioni, l’ex vicepresidente è avanti di oltre 7 punti su Donald Trump, col 49,3% delle preferenze degli elettori. L’ultimo sondaggio è della Cnn che vede Biden al 51% con ben 10 punti di vantaggio su Trump.

“Spenderò ogni giorno da qui al 3 novembre lottando per ottenere i voti degli americani in tutto questo grande Paese, in modo che, insieme, possiamo vincere la battaglia per l’anima di questa Nazione e fare in modo che noi possiamo, mentre ricostruiamo la nostra economia, far partecipare tutti”, ha aggiunto l’ex senatore del Delaware.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

George Floyd, a marzo un altro afroamericano ucciso da polizia durante l’arresto: “Non riesco a respirare”. Video scatena nuove proteste in Usa

next
Articolo Successivo

Proteste in Usa, il primo ministro canadese Trudeau si inginocchia in segno di solidarietà col movimento afroamericano: le immagini

next