Dopo l’annuncio del ritiro dei 190 licenziamenti previsti dall’azienda Jabil di Marcianise, la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, ha incontrato i lavoratori fuori dallo stabilimento del Casertano. “Una trattativa durata 73 ore – dice il Ministro che si commuove quando i lavoratori le consegnano i fiori in segno di ringraziamento – la Jabil ha confermato la volontà di restare in Italia e abbiamo parlato anche degli esuberi, ho spiegato che noi come Paese abbiamo messo una norma per lo stop ai licenziamenti, che abbiamo inserito importanti misure che aiutano a tenere i lavoratori e formarli e questi costi sono a carico dello Stato”. E’ proprio sugli esuberi che i dipendenti restano ancora in allerta. La partita resta aperta e anzi, per i lavoratori c’è il rischio di nuove tensioni tra gli stessi operai. L’azienda statunitense ha ritirato i licenziamenti, ma restano 190 persone in esubero da ricollocare. “Queste 190 persone verranno selezionate con altri criteri tra i 540 dipendenti totali dello stabilimento – ci dicono i lavoratori – qualcuno andrà via spontaneamente, qualcun altro no, qualcuno sarà obbligato a farlo perché l’alternativa è il licenziamento, per questo è necessario che il Governo ci segua soprattutto in questa nuova fase e assicuri un lavoro serio a chi viene ricollocato in altre aziende”. Il ministro sulla questione esuberi ha rassicurato gli operai. “Investiremo nella formazione di questi lavoratori e li aiuteremo a ritrovare anche una nuova collocazione. Ci sarò personalmente a seguire tutta la vertenza. Abbiamo un accordo sottoscritto e seguiremo tutta la fase di ricollocazione, tanto che abbiamo già convocato aziende e sindacati per martedì prossimo alle 17 per vagliare le migliori offerte. Il tavolo al Mise – conclude la Catalfo – è stato già convocato”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taranto, a 24 ore dal nuovo piano industriale Arcelor Mittal chiede ancora la cassa integrazione per tutti gli 8mila dipendenti

next
Articolo Successivo

Bonus maggio agli autonomi: soldi solo a chi ha guadagnato il 33% in meno dell’anno scorso. “Un paradosso, chi era già in crisi nel 2019 non prende nulla, come chi ha incassato tardi per lavori di quel periodo”

next