Nonostante i coprifuoco, migliaia di persone in decine di città americane sono tornate in queste ore a protestare contro la morte di George Floyd. Washington D.C., New York, St. Louis, Buffalo, Philadelphia, Minneapolis, Omaha, Chicago, Seattle, Austin, Oakland, Los Angeles. La protesta cresce ovunque, e nulla – la minaccia dell’arresto, l’uso di gas lacrimogeni, le parole del fratello di Floyd che invita alla calma – sembra poter bloccare la rabbia dei dimostranti. Anche Donald Trump ha scelto la strada dello scontro duro. Il presidente ha definito “atti di terrorismo domestico” le manifestazioni e minacciato di inviare l’esercito.

La definizione di “terrorismo”, per bollare le proteste, ha sorpreso e indignato. Una cosa va infatti detta chiaramente. La stragrande maggioranza di chi partecipa alle manifestazioni di questi giorni non ha nulla a che fare col terrorismo o con l’appello alla violenza. Si tratta di persone variamente affiliate a gruppi studenteschi, alla Naacp (la “National Association for Advancement of Colored People”), ai sindacati, a “Black Lives Matter”, a gruppi antirazzisti come “Showing Up for Racial Justice” e “Building Power”. In molti casi non c’è neppure bisogno dell’affiliazione a un gruppo. Le persone scendono per le strade, a protestare, spinti dall’indignazione per il brutale assassinio di George Floyd.

Come raccontato da centinaia di testimonianze, e riassunto molto bene dalla rivista libertaria “Reason”, i dimostranti esercitano un loro diritto costituzionale ma sono stati spesso presi tra i due fuochi di “una massa di agenti militarizzati e piccoli gruppi di facinorosi che mirano a distruggere”. Le violenze contro i manifestanti sono state ampiamente testimoniate: uso sproporzionato dei gas lacrimogeni, cariche della polizia, proiettili di gomma, suv lanciati contro la folla, spray al peperoncino, proiettili di vernice sparati contro i residenti di Minneapolis, per il solo fatto di osservare le manifestazioni dai porticati di casa. Più difficile è individuare i gruppi che usano le proteste per seminare paura e violenza. Questi coprono un arco che dalla destra radicale si allarga alla sinistra estrema, ai gruppi neonazisti, agli anarchici. Si infiltrano tra i dimostranti pacifici ma anche tra le forze di polizia.

Vediamo alcuni di questi gruppi e sigle, tenendo sempre presente il carattere non omogeneo, eterodiretto, delle proteste di questi giorni.

Suprematisti bianchi – Il primo giugno l’Adl (Anti-Defamation League) ha pubblicato un rapporto, in cui spiega che varie sigle di suprematisti bianchi “stanno cercando di trarre vantaggio da una crisi nazionale per rilanciare un’agenda violenta”. Nel rapporto si parla di neo-nazisti che hanno urlato “Heil Hitler” ai manifestanti di Denver. Militanti di un’altra sigla nazista, il “Nationalist Social Club”, sono stati sorpresi ad attaccare i loro adesivi durante un’altra manifestazione del week-end a Boston. Un episodio molto significativo è avvenuto a Minneapolis, dove George Floyd è stato ammazzato. L’80 per cento delle persone arrestate nella notte tra venerdì e sabato, quando la protesta ha cominciato a farsi davvero violenta, “non sono residenti di Minneapolis e sono venute da fuori per distruggere tutto ciò che abbiamo costruito”, ha detto il sindaco di Minneapolis, Jacob Frey. Frey ha aggiunto che tra gli arrestati ci sono “molti collegati ai gruppi di suprematisti bianchi”. Secondo l’Adl, questi gruppi soffiano sul fuoco, soprattutto nella loro attività online, sperando di scatenare la “guerra razziale”. Ma ci sono anche altre formazioni di destra: per esempio gli “Oath Keepers”, milizie para-militari che incitano la polizia a usare le armi contro i manifestanti, “terroristi comprati e pagati dalle organizzazioni socialiste d’America”. Interessante anche l’accenno che il governatore del Minnesota Tim Walz ha fatto ai “cartelli messicani della droga”. Anch’essi sarebbero impegnati come agenti provocatori, in connessione con l’estrema destra, per far esplodere le tensioni.

I Boogaloo Bois – Si tratta di una sigla relativamente nuova che incarna vecchie istanze anti-governative. Attivi soprattutto online, i “Boogaloo Boys” sono entusiasti sostenitori di Trump, difensori del sacro diritto a portare un arma, fautori di un secondo “boogaloo”, una seconda guerra civile che liberi i cittadini americani dal peso oppressivo del governo federale. Li si è visti spesso mescolati a chi, nelle scorse settimane, protestava contro l’obbligo di “stay at home” per il coronavirus. Lo scoppio delle rivolte razziali gli offre una nuova possibilità. Molte pagine Facebook legate ai “Boogaloo Bois” esprimono solidarietà nei confronti dei dimostranti afro-americani. Alcuni dei “Bois” si sono fatti fotografare accanto ai leader neri della rivolta. Il movente anti-governativo è però evidente in una serie di dettagli. La pagina Facebook del “Boogaloo Ranch” riporta un meme con l’edificio della Federal Reserve Bank di Minneapolis, additata ai manifestanti come “fonte di oppressione primaria negli Stati Uniti… e lì ci sono I soldi!”. In altri post si elencano i luoghi dove avvengono le proteste. L’intento manipolatorio dei “Boogaloo Bois” è stato sottolineato da molti. “Attenzione. Sono di destra. È una cosa neo-fascista – ha spiegato Daryle Lamont Jenkins, che dirige l’organizzazione anti-razzista “One People’s Project” -. Stanno cercando di usare quello che è successo a Minneapolis per farsi pubblicità. Non fateglielo fare. Non sono nostri amici”.

Gli anarchici – Anche in questo caso, si tratta di una miriade di sigle e singoli che hanno come loro principio fondante l’opposizione al governo centrale, ma che poi si collocano in un ampio spettro politico e ideologico, che dalla sinistra radicale e antifascista arriva alla destra individualista. Durante le proteste di questi giorni si sono viste sigle come quella di “The Base”, un gruppo anarchico con sede a Brooklyn, che chiede un ribaltamento violento e rivoluzionario del governo degli Stati Uniti. Non precisamente focalizzati sulle questioni razziali, molti gruppi anarchici, soprattutto quelli più recenti, trovano oggi nella rivolta anti-razzista un forte impulso all’azione. Molti giovani militanti anarchici appaiono legati a “RAM” (“Revolutionary Abolitionist Movement”) e all’“Anti-Racist Action”, un network di gruppi anti-fascisti e anti-razzisti che allarga la sua azione alla lotta contro l’islamofobia, il sessismo, l’omofobia, l’antisemitismo. Ma esiste anche una variante di destra dell’anarchismo, i cui membri partecipano alle manifestazioni di questi giorni in California. Tra questi, i “Bay Area National Anarchists”, anarchici e suprematisti che “immaginano una futura guerra razziale che porti alla creazione di enclaves neo-tribali esclusivamente bianche” (parole del “Southern Poverty Law Center”).

Gli AntifaDonald Trump li vuole mettere fuori legge, designandoli come “organizzazione terrorista domestica”. A suo giudizio, sono loro a commettere le violenze e spingere alla rivolta di questi giorni. È impossibile che il presidente possa davvero farlo. Anzitutto perché il Primo Emendamento protegge il diritto all’hateful speech, all’incitamento all’odio. Non si può bloccare “la riunione di cittadini Usa, anche quando questi incitino all’odio. Solo l’uso della violenza può essere colpito”, ha detto a una Commissione della Camera Mary McCord, ex direttrice della “National Security Division” del Dipartimento alla Giustizia. Trump non può quindi mettere fuori legge nessun militante anti-fascista, anche quando questi si appelli alla violenza contro la polizia. C’è però una seconda ragione che rende le parole del presidente prive di valore politico e legale. Antifa non è un partito. Non è un’organizzazione. Non è un movimento. È un arcipelago molto fluido, cangiante, instabile di piccoli gruppi, formazioni, singoli, privi di una gerarchia, di capi, di un programma definito. Il punto di partenza, per tutti, è l’antifascismo, poi ognuno modula il principio come vuole. Come racconta un libro recente di Mark Bray, Antifa. The Anti-Fascist Handbook, la coalizione si afferma soprattutto dopo il 2016 e sale all’attenzione dell’opinione pubblica con i fatti di Charlottesville del 2017. La strategia comune di questi gruppi è soprattutto una: resistere fisicamente ai militanti fascisti. Impedire loro di riunirsi, anche usando gli strumenti della violenza. Non lasciare quindi allo Stato il diritto di silenziare il fascismo, ma riportarlo nelle mani del popolo. Gli “antifa”, termine appunto molto generico che in realtà non definisce nulla, sono comparsi in molte delle manifestazioni anti-razziste per George Floyd. Le loro istanze si sono mescolate a quelle degli altri dimostranti, in un movimento di protesta che, come abbiamo visto, contiene molte cose, intenti, progetti, visioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Parigi, nuova perizia su giovane di banlieue morto in gendarmeria infiamma le strade

next
Articolo Successivo

Trump sul sagrato: Bibbia, legge e ordine. Parte con una televendita la campagna elettorale del presidente

next