Una stazione di polizia occupata e data alle fiamme. Ma anche un Walmart, catena di supermercati americani, e un concessionario di auto. Minneapolis brucia in seguito alle proteste scaturite dall’uccissione di George Floyd, l’afroamericano soffocato da un agente di polizia durante un controllo. Le manifestazioni, come documentano alcuni video postati sui social, sono andate avanti per tutta la notte. All’alba il paesaggio della città del Minnesota è spettrale. Le proteste sono scoppiate martedì, un giorno dopo la morte di Floyd. Intanto il governatore Tim Walz ha attivato la Guardia Nazionale, con un contingente di 500 uomini.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il coronavirus ci ha insegnato quanto conti la cooperazione internazionale

next
Articolo Successivo

Coronavirus, oltre 26mila in 24 ore in Brasile: il record a Sao Paulo nel giorno della riapertura. Massima allerta in Corea del Sud

next