Una stazione di polizia occupata e data alle fiamme. Ma anche un Walmart, catena di supermercati americani, e un concessionario di auto. Minneapolis brucia in seguito alle proteste scaturite dall’uccissione di George Floyd, l’afroamericano soffocato da un agente di polizia durante un controllo. Le manifestazioni, come documentano alcuni video postati sui social, sono andate avanti per tutta la notte. All’alba il paesaggio della città del Minnesota è spettrale. Le proteste sono scoppiate martedì, un giorno dopo la morte di Floyd. Intanto il governatore Tim Walz ha attivato la Guardia Nazionale, con un contingente di 500 uomini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il coronavirus ci ha insegnato quanto conti la cooperazione internazionale

next
Articolo Successivo

Coronavirus, oltre 26mila in 24 ore in Brasile: il record a Sao Paulo nel giorno della riapertura. Massima allerta in Corea del Sud

next