Anche in Michigan, come in molte altri Stati degli Stati Uniti, un gruppo di manifestanti è sceso in strada per protestare con la morte di George Floyd, l’afroamericano ucciso dalla polizia durante un arresto. Durante la marcia, il corteo di è fermato davanti al quartier generale della polizia, dove i manifestanti hanno incontrato lo sceriffo della contea Chris Swanson. Lo sceriffo si è unito al canto dei manifestanti e ha partecipato alla marcia insieme a loro.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Floyd, Trump isolato nel bunker insulta i manifestanti e twitta “law and order”. Ma non può chiedere ai neri di fermarsi

next