Lo avete usato solo per le visualizzazioni, dovreste vergognarvi”. Questa è la principale accusa rivolta a una coppia di youtuber americani molto noti che proprio con i follower aveva condiviso la scelta di adottare un bambino affetto da autismo. Quattro anni, cinese, il piccolo Huxley era arrivato a casa di Myka Stauffer e del marito James due anni fa. Ogni sua azione veniva mostrata sui social dai genitori, mentre le visualizzazioni crescevano, così come le sponsorizzazioni pubblicitarie.
Ora il bambino è tornato in Cina, affidato a un’altra famiglia e a un’altra mamma. La coppia da 700mila iscritti ha provato a giustificarsi con un video: “Non eravamo pronti. Aveva molte esigenze di cui non eravamo a conoscenza. Abbiamo cercato di soddisfare i suoi bisogni e aiutarlo il più possibile. Non c’è stato un minuto in cui non abbiamo cercato di fare il nostro meglio. Gli ultimi due mesi sono stati la cosa più difficile che avremmo mai immaginato”. “Mi sento un fallimento come mamma”, è stato lo sfogo di Myka, madre di altri quattro figli biologici. “Non abbiamo adottato Huxley solo per mostrarlo pubblicamente. Mostravamo il 5% della nostra vita con lui, le restanti lotte rimanevano private. Molti professionisti ci hanno detto che aveva bisogno di aiuto. La nuova mamma ha una formazione medica professionale e una casa attrezzata a dovere. Speriamo che se ne prenda cura come il piccolo merita”. Ma le critiche non si sono esaurite con il video della donna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’appello di Nancy Brilli per i professionisti di musica e teatro: “Impossibile sopravvivere senza i proventi dei biglietti o senza contributi statali”

next
Articolo Successivo

“Ylenia Carrisi: in un video spunta Gringo, il marito della figlia scomparsa di Al Bano e Romina”. Le rivelazioni della tv spagnola

next