Monta in Brasile la protesta contro il presidente Jair Bolsonaro per la gestione del coronavirus. Il Paese è il secondo più colpito dopo gli Stati Uniti con oltre 35omila contagi e quasi 23mila morti. Bolsonaro sabato notte si è fatto vedere in pubblico a Brasilia mentre mangiava un ‘hot dog’ e beveva una Coca Cola attirando di nuovo le ire dei suoi oppositori che l’hanno coperto d’insulti gridandogli “assassino”, “spazzatura” e “fascista”. Ma non solo, nella giornata di domenica ha partecipato all’ennesima manifestazione dei suoi sostenitori a Brasilia. Accompagnato dal ministro del Gabinetto di sicurezza istituzionale, generale Augusto Heleno, il capo dello Stato ha sorvolato l’area a bordo di un elicottero e, una volta atterrato, ha salutato i dimostranti. Bolsonaro era separato dalla folla solo da una transenna: è arrivato sul posto indossando la mascherina di protezione, ma in seguito se l’è tolta per parlare con i suoi simpatizzanti – diverse centinaia – vestiti di verdeoro e sventolando stendardi e bandiere del Brasile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, indigeni del Brasile a rischio: tasso di mortalità doppio rispetto al resto della popolazione

next
Articolo Successivo

Fase 2, vivo in Cina e posso dirvi che le cose non funzionano come le raccontano

next