Io, uomo di destra, il 2 giugno non manifesto in piazza.

Perché io, uomo di destra, non sono uno sciacallo, un avvoltoio che approfitta delle difficoltà che il proprio Paese sta vivendo per trarne profitto elettorale. Perché io non spero che l’Italia, colpita duramente dal coronavirus, fallisca per avventarsi su quel che ne resta.

Io non manifesto perché sono un patriota. E ho rispetto delle istituzioni e dello Stato, perché senza le istituzioni, senza uno Stato efficiente, senza i simboli che ci uniscono non esiste comunità, non esiste solidarietà, non esiste fratellanza. Dobbiamo rifondare lo Stato, renderlo più efficiente, meno burocratico, più capace di decidere.

Questo è patriottismo. Questo, non il vizio estremista di parlare in nome di chi non vuole essere rappresentato dall’estrema destra. Perché no, l’estrema destra che il 2 giugno va in piazza a manifestare contro il proprio Paese non rappresenta tutti gli italiani. E non rappresenta nemmeno tutti gli italiani di destra. Lo dico senza tanti giri di parole: manifestare il 2 giugno è una bestemmia al patriottismo, è una bestemmia all’essere di destra.

Ed è un tradimento. Il tradimento dell’Italia e degli italiani. Perché la stragrande maggioranza di loro rispetta e rende omaggio a quello che il 2 giugno rappresenta. E mai si sognerebbe di insozzare la festa della Repubblica con una manifestazione di parte – peraltro ancora rischiosa per la salute pubblica in questa particolare fase della nostra vita -, la parte che scommette sul massacro collettivo, sulla crisi globale. La parte che adesso chiede al popolo di scendere in piazza col tricolore, quando quel tricolore lo ha deriso, insultato, vilipeso, ripudiato. La parte che il tricolore lo tradisce ogni giorno.

Io il 2 giugno festeggio, non manifesto. E so che come me non lo faranno miglia di patrioti italiani per cui la festa della Repubblica rappresenta un valore. Loro, come me, il 2 giugno sono certo metteranno un tricolore alla finestra, stando lontani dall’indegna caciara della destra bavosa ed estrema.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, De Luca lancia la campagna ‘cafoni zero’: “Stop alla movida dalle 23. Vietate feste, festini, carnevale e pippe varie”

next
Articolo Successivo

Elezioni, tutti contro tutti: il governo ragiona su metà settembre. Il Cts: “Non oltre”. Emiliano: “Si voti a luglio o parli Mattarella”

next