Alla fine hanno trovato l’accordo. I tre leader del centrodestra scenderanno in piazza insieme il 2 giugno per manifestare contro il governo. Una manifestazione che sarà “senza bandiere” dice Matteo Salvini. L’intesa tra Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia è stata raggiunta alla fine di un incontro tra i tre leader. Oltre a Matteo Salvini e Giorgia Meloni era presente Antonio Tajani, in rappresentanza di Forza Italia insieme a Licia Ronzulli. La leader di Fdi era invece accompagnata da Ignazio La Russa, Giovanni Donzelli, Francesco Lollobrigida.

“Su richiesta dei tanti italiani che ci hanno scritto stiamo lavorando per trovarci insieme in piazza il 2 giugno a Roma, ovviamente con tutte le misure di sicurezza. Saremo senza bandiere ma a fianco degli italiani. Non è possibile che il decreto Rilancio ancora non sia stato pubblicato”, è la versione di Salvini, che ha postato un selfie su twitter alla fine della riunione. Simile il messaggio di Meloni, secondo la quale, il 2 giugno: “Noi vogliamo dire che la pazienza è finita. Vogliamo farlo in nome e per conto dei milioni di italiani che vogliono manifestare il loro dissenso e lo faremo ovviamente rispettando le regole”. In che luogo si troveranno i leader dell’opposizione? “Ci stiamo lavorando – risponde Meloni . In momenti come questo bisogna far trottare la fantasia“.

Il via libera alla manifestazione unitaria dell’opposizione è arrivato anche da Silvio Berlusconi. Nei giorni scorsi tra gli azzurri erano sorti parecchi dubbi alla proposta di scendere in piazza contro il governo. L’ala dei cosiddetti lettiani, fedeli a Gianni Letta, pensa che la piazza sovranista possa essere un arma a doppio taglio per il ruolo di responsabile fino ad ora svolto dal leader di Forza Italia e non sia opportuna, non solo politicamente, in un momento così delicato per il Paese, alle prese con un’emergenza senza precedenti. Berlusconi, insomma, avrebbe preferito stare alla finestra, almeno per ora. Poi però ha vinto l’ala sovranista del partito: “Il 2 giugno avanzare una serie di proposte per il Paese. L’Italia ha bisogno di liquidità, i soldi non arrivano e molti italiani si preparano a perdere il lavoro. Ieri 3 imprese su 10 non hanno riaperto ed il rischio è che non riaprano più”, dice Tajani. “Il centrodestra unito in piazza per dare voce all’Italia dimenticata dal governo Conte. Il 2/6, la Festa della Repubblica, Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia insieme per dare una prospettiva al Paese e per raccontare agli italiani l’unica alternativa credibile a questo esecutivo”, twitta invece Mariastella Gelmini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Bonafede, i renziani minacciano di votare la sfiducia. Delrio avverte: “Se passa si apre crisi di governo, non si risolve con pacca sulla spalla”. Di Maio: “L’esecutivo è solido e lo dimostrerà”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Sala: “A ottobre rischiamo crisi profonda. Consiglio a Conte? Compagine ministri si può modificare. Servono i migliori”

next