Gli inquirenti delle procure di Napoli e Torre Annunziata ne sono certi. Adolfo Greco, l’imprenditore stabiese dai lunghi tentacoli e dalle conclamate collusioni con vecchie e nuove camorre del vesuviano e del Casertano, ha “investito anche nella ricerca aereospaziale, avvalendosi delle esperienze del cognato Verde Leopoldo (ex direttore del Cira, Centro Italiano Ricerca Aerospaziale di Marcianise) e del rapporto che, tramite quest’ultimo, aveva intessuto con Saggese Enrico (ex direttore Asi)”.

Lo affermano i poliziotti della Squadra Mobile di Napoli e del commissariato di Castellammare di Stabia in un passaggio della monumentale informativa agli atti dell’ultimo arresto di Greco. L’imprenditore dai trascorsi cutoliani questa volta è accusato di aver corrotto a suon di tangenti e Rolex i parlamentari di Forza Italia Luigi Cesaro e Antonio Pentangelo per farsi spianare la strada verso il permesso a costruire rilasciato dal commissario ad acta della Provincia di Napoli, per riqualificare in area residenziale la ex Cirio.

La riconversione non è mai partita anche perché Greco e i suoi soci, ottenuto il permesso dall’architetto Maurizio Biondi, nominato dall’amministrazione provinciale di Napoli retta all’epoca da Cesaro e Pentangelo e collega di studio di un figlio di Cesaro, non hanno pagato gli oneri concessori da quasi due milioni di euro. Il progetto rallentò per difficoltà economiche, politiche e ambientali di vario tipo, fino a fermarsi di fronte al rischio concreto che le circa 300 case rimanessero invendute e l’investimento risultasse infruttifero.

Ma i tentacoli di Greco, che nasce come imprenditore della distribuzione del latte e poi allarga i suoi interessi nell’edilizia, nel turismo (con l’acquisto di un albergo a Capri e la gestione di un albergo a Cava dei Tirreni), nelle aste fallimentari e nell’editoria locale, si sarebbero concentrati anche sul settoreaerospaziale’. Con investimenti effettuati in modi e circostanze che sono coperte dal segreto di indagini in corso. Indagini che stanno andando avanti sul solco tracciato dall’analisi dei rapporti tra Greco e la cosiddetta “società civile”. Va detto che l’ex presidente Agenzia spaziale Enrico Saggese, dimessosi nel 2014 dopo l’arresto e lo scandalo che lo vide coinvolto, è stato assolto nei giorni scorsi dall’accusa di concussione. A suo carico, invece, è ancora aperto un processo di corruzione.

Tornando a Greco, i poliziotti scrivono: “L’immagine di valente imprenditore di successo, distorcendo ed oscurando la vera e reale anima di imprenditore criminale, assecondava la possibilità per il Greco Adolfo di carpire la fiducia e la stima di importanti personaggi della società civile che mostravano interesse a relazionarsi con lo stesso per i motivi più disparati”. Seguono sei pagine bianche. Completamente omissate. Secretate. Nelle quali – secondo una fonte consultata da ilfattoquotidiano.it – si descrive una rete di amicizie utilizzata da Greco per penetrare in ambienti dove altri imprenditori meno chiacchierati di lui non sono riusciti ad entrare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Bologna, l’ex moglie di Paolo Bellini lo riconosce nel video girato in stazione prima dell’esplosione: “Purtroppo è lui”

next
Articolo Successivo

Roma, traffico illecito di rottami ferrosi verso l’Ucraina: 27 arresti. “Nei centri di stoccaggio a Latina anche gli scarti dei roghi tossici”

next