Cassette vuote di fronte all’ingresso del supermercato. Così le staffette di mutuo soccorso di Milano hanno voluto esprimere solidarietà ai braccianti, che oggi, giovedì 21 maggio, si fermeranno per protestare conto i provvedimenti di regolarizzazione previsti nel dl Rilancio. Durante il lockdown, le staffette hanno consegnato spese solidali a chi si trovava in difficoltà. “Milano è una grande città parassitaria che è alla fine della catena produttiva – spiegano gli attivisti – dall’altro lato della filiera ci sono persone che raccolgono pomodori per meno di tre euro l’ora”. Quello che chiedono è “un cambio di sistema che parta da esempi concreti come la filiera corta”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Rilancio, i braccianti in sciopero contro i termini della regolarizzazione: “Spot per mera utilità di mercato, non è lotta allo sfruttamento”

next
Articolo Successivo

Acciaio, Re David: “Multinazionali non possono fare le politiche industriali di questo Paese. C’è biosgno di un tavolo permanente su siderurgia”

next