A Milano gli attivisti di Fridays For Future e di Extinction Rebellion sono tornati a manifestare in piazza per l’ambiente. Lo hanno fatto in cento con le loro biclette. Prima tappa, piazza della Scala. Davanti a Palazzo Marino hanno ricordato al sindaco Giuseppe Sala di mettere in pratica la Dichiarazione di Emergenza Climatica e Ambientale firmata dal Comune un anno fa. “In un anno non è cambiato nulla se non in peggio – denunciano gli attivisti – Milano si riconferma capitale del consumismo e del consumo di suolo. Dopo l’emergenza Covid, vogliamo ricordare al sindaco che quelle parole devono tramutarsi in azioni concrete”. La “biciclettata” si è poi diretta verso il Palazzo della Regione. “Troppi morti in Lombardia: emergenza sanitaria e qualità dell’aria, due facce della stessa medaglia” si legge sullo striscione srotolato dai ragazzi. “Pensiamo che la salute sia un diritto che non può essere barattato con gli interessi di Confindustria e delle aziende. Questa Regione sta vedendo riaprire le attività commerciali senza una riflessione sul modello di sanità che è stata distrutta pezzo per pezzo dalle amministrazioni regionali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, verso 450mila tonnellate di guanti e mascherine da smaltire. Ecomafie: “Troppe deroghe”. Costa: “Ridurre l’usa-e-getta”

next
Articolo Successivo

Mobilità sicura, l’auto non è l’unica risposta

next