Probabilmente sarà l’ultima volta, ma cambia ancora il modello di autodichiarazione per gli spostamenti. Cadute le restrizioni sul territorio regionale, l’autocertificazione sarà ora indispensabile solo in caso di spostamenti tra due o più regioni almeno fino al 3 giugno, giorno indicato dal governo come quello in cui dovrebbero decadere i “comprovati motivi” per i viaggi su tutto il territorio nazionale.

Il nuovo modello è disponibile sul sito del Viminale, anche se lo stesso ministero dell’Interno spiega che può essere ancora utilizzato il precedente modello barrando le voci non più attuali. L’autodichiarazione, come durante tutto il lockdown, è in possesso degli operatori di polizia e può essere compilata al momento del controllo.

Nel nuovo modulo il cittadino dichiara di non essere sottoposto a quarantena, indica punto di partenza e destinazione dello spostamento, conferma di essere a conoscenza delle limitazioni vigenti a partire dal 18 maggio su tutto il territorio nazionale e di quelle disposte dalle Regioni interessate dallo spostamento. Occorre poi indicare una delle quattro motivazioni che determinano la legittimità dello spostamento: comprovate esigenze lavorative; assoluta urgenza; situazione di necessità; motivi di salute.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fase 2 – Il videoracconto della Milano che riapre. Dai termoscanner per entrare in Duomo e nei negozi ai ristoranti con tavoli distanziati: ecco il nuovo corso

next
Articolo Successivo

Fase 2, a Napoli protestano gli artigiani di San Gregorio Armeno: “La nostra arte rischia di scomparire”. La via dei presepi resta chiusa

next