La Fase 2 a Roma inizia con pochi passeggeri a bordo di autobus e metropolitane, almeno verso le aree del centro e meno periferiche. Poche le persone che nelle prime ore del mattino hanno scelto di utilizzare i mezzi pubblici. C’è chi sceglie di spostarsi a piedi o in bicicletta. Ma aumenta soprattutto il traffico autostradale con l’uso di mezzi privati. Poche anche le persone in fila lungo le banchine. Intanto nella stazione di Roma Termini sono stati intensificati i controlli sia quelli di autocertificazioni e biglietti che sanitari, con il controllo della temperatura tramite termoscanner.
A ripartire sono stati per primi i bar che hanno riaperto l’attività con il servizio da asporto, dopo i mesi di lockdown. I clienti, però, sono ancora pochi. “Qui a quest’ora si faceva fatica a entrare – racconta uno dei titolari – Ma almeno oggi si riparte”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, a Venezia imprenditori e artigiani contro il lockdown: oltre 100 persone protestano sul Ponte di Rialto. Le immagini del flashmob

next
Articolo Successivo

Vicenza, il professore di storia dell’arte Villa indagato per falso ideologico e truffa: “Cumulo incarichi pubblici, 58mila euro non dovuti”‘

next