“Il mostro non è ancora stato domato, se ci sfugge di mano è una strage”. A parlare a un giorno dall’inizio della cosiddetta Fase 2 è il direttore dell’Unità operativa di anestesia e rianimazione dell’ospedale di Rimini, il dottor Giuseppe Nardi. In un video-appello, pubblicato dal sito del Comune romagnolo, il primario ricorda che “la situazione è migliorata rispetto a marzo”, ma che “siamo ancora lontani dall’aver superato il problema dell’epidemia”. Dopo un excursus sui numeri, nel quale sottolinea che “ancora è occupato un numero di posti letto in rianimazione superiore alla normale capienza”, Nardi lancia un monito ai cittadini. “Noi ci siamo battuti per voi, ora abbiamo bisogno del vostro sacrificio – dice alle telecamere – rimanete a casa, non fatemi trasportare da aperture che a volte hanno solo un significato pubblicistico. Dovete avere pazienza”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, lettera di un medico di base lombardo: “Io dottoressa e paziente tentata di lasciare tutto. Basta litigi, ripartiamo dai territori”

next
Articolo Successivo

Carceri, il caso virtuoso di Le Novate: ‘I detenuti hanno capito l’emergenza’, mi dice la direttrice

next