L’ufficio stampa di Striscia la Notizia scrive a Ilfattoquotidiano.it una precisazione con richiesta di pubblicazione in merito al pezzo “Striscia la Notizia contro Giovanna Botteri: lancia servizio sugli haters che criticano la giornalista per l’aspetto. Lei: ‘Sulla Bbc croniste con rughe, culi, nasi, orecchie grosse. Conta ciò che dicono’” . La trovate qui sotto e, in coda, la replica della nostra redazione.

•Gentile direttore,
ecco un esempio di fake news. Striscia fa un servizio a favore di Giovanna Botteri, ma molti commentatori da bar che esprimono opinioni per sentito dire scrivono che ce la siamo presa con lei. Diciamo subito che per non cadere nell’errore sarebbe bastato ascoltare il rientro in studio di Gerry Scotti: “Brava, brava Giovanna, vai avanti così nel tuo importante lavoro e non badare a chi sta a guardare il capello…”. Dopo il servizio andato in onda nella puntata di Striscia il 28 aprile scorso, dove si dava conto della fresca messa in piega dell’ottima Giovanna Botteri, siamo stati accusati di aver fatto volgare ironia sul suo aspetto fisico. In realtà è da tempo che su alcuni media e nei social Giovanna Botteri viene presa di mira per il suo look, a detta di molti non particolarmente curato. E il servizio di Striscia, partiva proprio da questo per mostrare come Giovanna nell’ultimo collegamento da Pechino avesse sfoggiato una nuova pettinatura, quasi a smentire le critiche malevole piovutele addosso. Insomma, parliamo di cose serie e certamente il bodyshaming lo è e va combattuto con ogni mezzo, ma non confondiamolo con una messa in piega.

Ufficio stampa Striscia la Notizia

• Cara Striscia, capita a tutti di sbagliare. Anche a noi. Ma in questo caso pensiamo proprio che sbagliate voi. Per denunciare il body shaming della rete contro Giovanna Botteri, avete costruito un servizio incentrato sui suoi capelli. Che ha peggiorato le cose. Noi non giudichiamo le vostre intenzioni, forse ottime, ma vediamo che il risultato è stato quello di rilanciare le offese della rete. Visto che se ne sono lamentati in tanti, la cosa migliore in casi come questi è, secondo noi, ammettere l’errore. Non parlare di fake news.
Con amicizia,

La redazione de ilfattoquotidiano.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lady Gaga piange per l’Italia: “Mi auguro che sentiate l’abbraccio del divino, come ali di un angelo intorno allo Stivale”

next
Articolo Successivo

Che Tempo che Fa, Vincenzo De Luca a Fabio Fazio: “Lei ha un’immagine da fratacchione ma…”. Fiorello: “Credo di amarlo”. Ma c’è chi fa notare il significato della parola

next