È giusto trasmettere un film sulla pandemia in piena pandemia? È questa la domanda che molti utenti social si sono posti vedendo in onda su Canale 5 Contagion, film del 2011 diretto da Steven Soderbergh, in qualche modo profetico e capace di suscitare inquietudine visto nove anni dopo. La pellicola racconta di un virus il MEV-1 che richiama in quasi tutti i punti il COVID-19: la stessa origine (arriva dalla Cina ma l’animale responsabile è il maiale), la sottovalutazione da parte delle autorità, il lockdown, la ricerca del paziente zero, il distanziamento sociale, la quarantena, le mascherine, i guanti, le file per fare la spesa, gli stessi sintomi con febbre alta e tosse. E ancora il complottismo, la ricerca del vaccino, le zone rosse, i camion militari che portano via le bare e anche l’ormai noto “andrà tutto bene”.

Protagonisti nomi di peso: da Marion Cotillard a Matt Damon, da Jude Law a Gwyneth Paltrow, da Kate Winslet a Laurence Fishnurne. E, cosa da non sottovalutare, una sceneggiatura realizzata con la consulenza degli studiosi dell’americano Centers for Disease Control. Una scelta, quella di Canale 5, che ha scatenato una pioggia di commenti: “Ma chi è il pazzo sadico che ha deciso di mandare in onda in prima serata un film su una pandemia DURANTE UNA PANDEMIA? Cioè è come vedere ‘The Flight’ in aereo”, “Io credo che un palinsesto più scellerato, insensato e controproducente di quello di stasera di Canale 5 non sia mai stato realizzato in 66 anni di televisione”, “Nel 2011 sei il pubblico e guardi il film. Nel 2020 sei direttamente l’attore. L’universo ha un gran bel senso dell’umorismo”, “Avete notato la pochissima pubblicità durante il film Contagion? Mi sa che gli inserzionisti si sono tenuti alla larga”, “Secondo me è stato De Luca a chiedere di mandare in onda questo film”.

Il tutto condito da meme, gif e fotomontaggi ma anche commenti di difesa verso la scelta di Canale 5 e sul tempismo in tema di palinsesto: “Sono l’unico a pensare che invece trasmettere #contagion sia stata una delle poche mosse indovinate e astute fatte da Mediaset nelle ultime settimane?”. La serata è stata introdotta da Matrix condotto da Nicola Porro, colpito dal Coronavirus e guarito, che ha poi condotto uno speciale sull’emergenza dopo la messa in onda della pellicola.

Molto più rumore sui social che sul fronte auditel, il film è stato visto da 3.334.000 telespettatori con il 12,4%. Numeri comunque positivi, in virtù dei risultati che spesso Canale 5 ottiene in prime time anche con prodotti e pellicole inedite. L’ultima replica del film era stata trasmessa il 28 ottobre 2018, in momento storico differente aveva ottenuto solo 500 mila spettatori con il 2,3% di share. Lo speciale di Matrix a seguire ha incollato allo schermo 1.656.000 spettatori con l’11,76% di share.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Striscia la Notizia contro Giovanna Botteri: lancia servizio sugli haters che criticano la giornalista per l’aspetto. Lei: ‘Sulla Bbc croniste con rughe, culi, nasi, orecchie grosse. Conta ciò che dicono’

next
Articolo Successivo

Summertime, la serie Netflix spinge sul romanticismo stucchevole di Moccia: otto sceneggiatori per una storia senz’anima

next