Declina nei sondaggi e le elezioni presidenziali ormai sono a un soffio. Forse per questo Donald Trump insiste nel riproporre la fake news della creazione di Sars Cov 2 in un laboratorio di Wuhan e sembra sempre più propenso a far pagare le conseguenze della pandemia alla Cina, convinto tra l’altro che Pechino preferisca il candidato democratico Joe Biden alla Casa Bianca e che “farà qualunque cosa per farmi perdere la rielezione”.

“Ci sono molte cose che posso fare, stiamo esaminando cos’è successo”, ha avvertito in un’intervista alla Reuters poco prima che il Washington Post rivelasse che la Casa Bianca ha già iniziato ad esplorare alcune proposte per punire o chiedere indennizzi finanziari alla Repubblica Popolare: una sorta di rappresaglia contro la gestione della Cina delle informazioni arrivate al resto del mondo sul virus che ha provocato oltre 3 milioni di contagiati e oltre 230mila morti senza voler quantificare i danni economici provocati da lockdown e misure restrittive prese in tutti i paesi. Secondo il prestigioso giornale il presidente Usa e alcuni suoi consiglieri hanno discusso l’ipotesi di togliere alla Cina la sua “immunità sovrana” per consentire al governo Usa, alle vittime di coronavirus o ad altre parti di citare Pechino per danni, come stanno già tentando di fare lo Stato del Missouri e alcune grandi aziende.

Una strada, spiegano gli esperti legali, estremamente difficile e che potrebbe richiedere una legge del Congresso. Altri dirigenti hanno ventilato l’idea di cancellare parte dei debiti obbligazionari con la Cina ma non è dato sapere se il presidente l’abbia appoggiata. In ogni caso ora nella battaglia tra l’approccio cauto dei consiglieri economici, che invitano alla prudenza per i negoziati commerciali in corso, e quello punitivo del team della sicurezza nazionale sembra prevalere il secondo. Due delle quattro fonti anonime del giornale preannunciano un incontro specifico tra dirigenti di varie agenzie governative per elaborare una strategia di ritorsioni.

Sono coinvolti anche responsabili delle agenzie di intelligence, cui nei giorni scorsi Trump ha ordinato di cercare prove attestanti la teoria finora non dimostrata che l’origine del Covid-19 sia legata al laboratorio di virologia di Wuhan. Per ora gli 007 Usa “concordano con il largo consenso scientifico che il virus non è stato prodotto dall’uomo o geneticamente modificato“, ha fatto sapere la National intelligence (Dni), che coordina tutte le agenzie del settore. Ma la Dni assicura che “continuerà ad esaminare rigorosamente le informazioni che emergeranno per determinare se la diffusione è cominciata tramite contatto con animali infetti o se è il risultato di un incidente di laboratorio”.

Alcuni esperti temono che la pressione sugli 007 possa distorcere le valutazioni sul virus e che esse siano usate come un’arma politica per intensificare la battaglia con Pechino. La Cina ha subito reagito: le elezioni Usa sono “un affare interno”, ha ricordato il portavoce del ministero degli Esteri Geng Shuang, auspicando che i politici americani “non trascinino” nella contesa anche Pechino. “Quanto a punizioni e responsabilità, questa retorica non ha alcuna base legale e non c’è alcun precedente internazionale. Minare ora gli sforzi degli altri finirà col danneggiare i propri”, ha aggiunto.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, proteste negli Stati Uniti contro il lockdown: manifestanti entrano armati nel Parlamento del Michigan

next