Amal Messaoud, di origini tunisine, è tornata a casa dopo un mese trascorso in ospedale, parte del quale in terapia intensiva area Covid-19. A metà marzo era stata ricoverata d’urgenza al Torrette di Ancona assieme al marito, Younes, pescatore, che purtroppo non ce l’ha fatta. Lei ha lottato contro il virus e il dolore della perdita con l’obiettivo primario di tornare dal figlio di 5 anni. Il bambino è rimasto in affido, e in quarantena, ai servizi sociali del Comune di Ancona e poi in casa di alcuni vicini di casa. Il condominio dove vive la donna, alla periferia sud del capoluogo, le ha regalato una sorpresa, tra applausi, uno striscione di ‘Ben tornata’ con un grande cuore e tanta commozione. Il purgatorio però non è ancora finito: prima di riabbracciare il figlio dovrà aspettare altre due settimane e la risposta negativa dell’ultimo tampone

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il commissario Arcuri: “Ripresa breve senza sicurezza, sbagliato contrapporre salute ed economia”. Sulla Fase 2: “Avviati test sull’app di tracciamento, pronti per garantire mascherine che servono”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, maturità con commissari interni: firmata l’ordinanza. Azzolina: “Esame serio che tiene conto delle difficoltà affrontate”

next