“Scioperiamo perché la nostra salute viene prima di tutto”. A parlare è uno dei lavoratori dello stabilimento Amazon di Torrazza Piemonte che ha aderito allo sciopero proclamato ieri dalla Filt Cgil dopo i quattro casi positivi che si sono registrati dall’inizio della pandemia. “Abbiamo chiesto all’azienda di dirci quali sono i reparti e i turni coinvolti, ma questi dati non sono stati forniti – spiega Simona Cavaglià della Filt Cgil – riteniamo che ci sia poca trasparenza da parte dell’azienda”. Qui nello stabilimento Piemonte lavorano circa milleduecento persone: “Le mascherine sono arrivati soltanto una settimana fa e ne abbiamo a disposizione solo una al giorno così siamo costretti a tenerla anche per otto di fila” racconta uno dei lavoratori. Con l’emergenza Covi-19 i ritmi di lavoro non sono diminuiti, anzi: “Diventa difficile rispettarle nelle operazioni di magazzino che prevedono la movimentazione di persone o di merci. L’abbiamo segnalato, ma al momento l’unico risposta sono state le mascherine”. Accuse che in una nota diramata dall’azienda vengono rispedite al mittente: “In tutti i nostri centri logistici per salvaguardare i nostri dipendenti e i dipendenti dei fornitori di servizi abbiamo aumentato le operazioni di pulizia dei siti, rivisto oltre cento processi al fine di portare la distanza interpersonale minima a due metri”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, a Bergamo le cose non possono migliorare se così tante fabbriche restano aperte

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la “fase 2” inizia dalla formazione dei lavoratori

next