Dei possibili “danni” dell’isolamento sulle coppie si parla da giorni in tutti i luoghi e in tutti i laghi. Gente che di punto in bianco si ritrova a dividere lo spazio domestico (spesso piccolo, soprattutto in città) da mane a sera, senza sosta. Sono molte le battute (ma forse mica poi tanto) sugli avvocati divorzisti che in questo momento si starebbero sfregando le mani. Così Banksy, che è un genio, e pure se si è detto abbastanza va bene ribadirlo, ha voluto dedicare il suo nuovo murales alle coppie, o alle famiglie. Le difficoltà dell’isolamento, senza però drammatizzare. Il tono dell’arista è anzi quasi leggero, al contrario di quello che molti si aspettavano. Come a tirare fuori un potere consolatorio dell’arte strappando a chi guarda un sorriso di meraviglia. Perché i suoi topi, quelli che ha disegnato sugli oggetti e sulle pareti del bagno di casa sua, sono sì dispettosi e irrefrenabili. Hanno pure la faccia da “stronzetti”, va detto. Però danno una certa vivacità alla scena. E soprattutto, con loro lì, niente più “io e te, te io, che noia che barba che noia che barba”. Titolo dell’opera: “Mia moglie odia quando lavoro da casa”. Noi no.

Visualizza questo post su Instagram

. . My wife hates it when I work from home.

Un post condiviso da Banksy (@banksy) in data:

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il professor Aldo Masullo: “Il dopo sarà certamente molto più duro del presente. E tutto sarà meno controllabile”

next
Articolo Successivo

Luis Sepulveda morto, aveva contratto il coronavirus. Restano per sempre i suoi romanzi “che parlavano d’amore con parole così belle da far dimenticare la barbarie umana”

next