Dei possibili “danni” dell’isolamento sulle coppie si parla da giorni in tutti i luoghi e in tutti i laghi. Gente che di punto in bianco si ritrova a dividere lo spazio domestico (spesso piccolo, soprattutto in città) da mane a sera, senza sosta. Sono molte le battute (ma forse mica poi tanto) sugli avvocati divorzisti che in questo momento si starebbero sfregando le mani. Così Banksy, che è un genio, e pure se si è detto abbastanza va bene ribadirlo, ha voluto dedicare il suo nuovo murales alle coppie, o alle famiglie. Le difficoltà dell’isolamento, senza però drammatizzare. Il tono dell’arista è anzi quasi leggero, al contrario di quello che molti si aspettavano. Come a tirare fuori un potere consolatorio dell’arte strappando a chi guarda un sorriso di meraviglia. Perché i suoi topi, quelli che ha disegnato sugli oggetti e sulle pareti del bagno di casa sua, sono sì dispettosi e irrefrenabili. Hanno pure la faccia da “stronzetti”, va detto. Però danno una certa vivacità alla scena. E soprattutto, con loro lì, niente più “io e te, te io, che noia che barba che noia che barba”. Titolo dell’opera: “Mia moglie odia quando lavoro da casa”. Noi no.

Visualizza questo post su Instagram

. . My wife hates it when I work from home.

Un post condiviso da Banksy (@banksy) in data:

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il professor Aldo Masullo: “Il dopo sarà certamente molto più duro del presente. E tutto sarà meno controllabile”

next
Articolo Successivo

Luis Sepulveda morto, aveva contratto il coronavirus. Restano per sempre i suoi romanzi “che parlavano d’amore con parole così belle da far dimenticare la barbarie umana”

next