La vincitrice della diciannovesima edizione di ‘Amici di Maria De Filippi’, Gaia è al settimo cielo e vive con serenità e consapevolezza il momento difficile che l’aspetta fuori dalle mura rassicuranti del talent show di Canale 5. ‘Genesi’ è il suo primo album, già uscito in digitale, che ha debuttato la settimana scorsa al quinto posto nella classifica FIMI. Questa settimana è al quindicesimo posto, ma c’è da scommettere che la vittoria farà risalire il disco di qualche posizione. Gaia guarda – con immensa ammirazione – ad artiste come Beyoncé (“è una donna forte, garantisce show di altissimo livello) e alle italiane Emma, Levante e Giorgia. Nel 2016 è arrivata seconda a “X Factor” dietro i Soul System, allora era data per vincitrice, ma non ce l’ha fatta. Tutto sommato, e qui entra in gioco la saggezza delle sue origini brasiliane, meglio così: “Oggi sono più consapevole, sono cambiata”.

La tua reazione alla vittoria è stata di incredulità, ma anche di commozione. Non te l’aspettavi di vincere?

In realtà ho sempre pensato che Javier e Giulia potessero vincere, anche perché sapevo che loro piacevano molto al pubblico. Il mio pianto è stato liberatorio, un sano nervosismo legato anche alle mie performance. Non ho vissuto la Finale come una rincorsa, ma vivendo attimo dopo attimo tutti i momenti con emozione e l’adrenalina a mille, sempre con libertà e spensieratezza.

Bilancio finale della tua esperienza ad ‘Amici’?

All’inizio della mia esperienza ad ‘Amici’ ero abbastanza impaurita, perché ho ripreso il contatto con il mondo esterno, come cantante, dopo un po’ di tempo dall’esperienza nel 2016 a ‘X Factor’. Piano piano e in diverse fasi ho iniziato a scavarmi dentro per trovare un modo per raccontarmi musicalmente. Ho scoperto che mi piace esplorarmi, ecco anche perché il mio disco si chiama ‘Genesi’.

In cosa sei cambiata rispetto ad ‘X Factor’?

Avevo anche una consapevolezza totalmente diversa del mio approccio musicale, senza sapere dove andare e che direzione prendere anche perché era il mio primo approccio con un pubblico, mi muovevo per i fatti miei. Ora cerco di costruire un percorso con un focus su quello che voglio fare con un mix di leggerezza e determinazione. Voglio fare concerti e ritornare a scrivere.

Cosa ti ha spinto a riprovarci con un altro talent?

È stato un percorso molto veloce quello di X Factor, erano anche altri tempi per me. L’idea di ripercorrere un altro talent è stata per me tutt’altro che serena, avevo molti timori. Poi Maria De Filippi mi ha invitato ad essere sempre me stessa e anche a non avere più paura e a buttare il cuore oltre l’ostacolo. Così ho fatto.

Sei stata spesso testimone di momenti di tensione dentro la scuola e sei apparsa spesso la più diplomatica. È stato difficile?

L’unica arma di difesa, giusta o sbagliata che sia la tua posizione, è sempre dire le cose con sincerità. Esprimere il mio punto di vista, a livello personale, ha rappresentato una chiave di svolta per la mia esistenza. Io sono sempre stata timorosa di espormi ed dire la mia, avevo paura di farlo, a prescindere se avessi ragione o no. Poi mi sono sbloccata e grazie al cielo ho capito che è possibile dialogare con l’altro pur con punti di vista diversi.

Fuori il mondo è fermo causa coronavirus, almeno per ora non potrai fare instore per incontrare i fan né concerti. Ti spaventa un po’ questa situazione?

In questo momento credo che la situazione sia molto difficile, inoltre tutti siamo preoccupati per il lavoro, nessuno escluso. Detto questo, non immaginavo certamente di trovare una situazione diversa, appena usciti da ‘Amici’. Quindi faremo tutti il possibile per affrontare la situazione, spero che finisca tutto prima possibile e spero che tutto il mondo della musica possa, a piccoli passi, trovare un modo per tornare la normalità. Coltiviamo la nostra energia per poterci riabbracciare di nuovo, arriverà il momento in cui potremo farlo. In questo istante credo sia fondamentale concentrarsi sulla salute, poi ripartiremo più forti di prima. In questi giorni sicuramente cercherò di intrattenere chi sta a casa, questo ad ‘Amici’è stato un percorso fatto di condivisione e così sarà anche ora, anche se in modo virtuale.

A proposito di musica, ‘Genesi’ è il tuo primo disco. Come mai questo titolo?

Perché è autobiografico. Tutte le mie canzoni si riferiscono alle varie fasi che vive una donna: dai momenti difficili, fatti di dolore, un tema che ripercorre spesso nei miei brani, a quelli in cui si risale dopo essersi guardati dentro. Quello che dico è che è importante affrontare con leggerezza anche i momenti difficili. Sono una persona che vive di emozioni, che a volte hanno il sopravvento su di me. Ma oggi non ho più paura, le emozioni le vivo con positività.

Come vedi il tuo futuro?

Pieno di energia con la voglia di divertirmi e condividere la mia musica con tutti.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Fiorello: “Salvini propone di aprire le chiese per Pasqua? Un errore, credo che Dio accetti le preghiere anche di chi sta a casa”

next
Articolo Successivo

Fiorello imita Morgan che cerca Bugo a Sanremo: l’imitazione durante la videochiamata con Achille Lauro

next