Rinunciare a un’arma efficacissima per combattere la diffusione del virus per aleatori timori riguardo alla privacy è puro autolesionismo“. Parole di Roberto Burioni che si riferisce all’utilizzo di app di contact tracing per il monitoraggio del covid-19 in questo momento al vaglio anche nel nostro Paese. Tra le risposte al tweet anche quella di Frankie Hi-Nrg, al secolo Francesco di Gesù: “Mi perdoni prof, ma gli aleatori timori riguardo l’uso di farmaci senza sperimentazione la preoccupano? Ecco: ugualmente deve preoccuparsi per applicazioni che, una volta installate, cambierebbero per sempre la vita delle persone. A ognuno il suo: lei lo ripete di continuo“. E Burioni risponde di nuovo con fermezza: “Si tratta di scegliere il male minore. Io tra il virus e la perdita parziale della privacy scelgo la seconda, ma è un’opinione personale. PS: esperti mi dicono che si può costruire un sistema efficace e sicuro sotto tutti i punti di vista“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bernie Ecclestone, l’ex bosso della Formula 1 papà a 89 anni: “Da quando sono in pensione ho avuto tempo per fare pratica”

next
Articolo Successivo

Clizia Incorvaia e l’uscita fuori luogo: “Dopo la quarantena riapriranno i manicomi”. Poi si scusa

next