Filmati, fotografie, mostre. L’Istituto Luce Cinecittà aderisce alla campagna #IoRestoaCasa con una offerta digitale di contenuti video, testuali, iconografici, dedicati a cultura, spettacolo, informazione e didattica. Migliaia di ore di intrattenimento e conoscenza a disposizione di tutti, gratuitamente, su tutti i siti web di Luce-Cinecittà.

Disponibili quindi i contenuti del portale dell’Archivio storico Luce (www.archivioluce.com), con 77.270 video d’archivio dagli anni ’10 a oggi, e 400.000 fotografie visibili da tutti i dispositivi, in buona definizione, in cui gli spettatori possono frequentare cinema, arti, storia, politica, sport, attualità. Si può navigare per tematiche oppure cercare personaggi.

In più l’Istituto ha deciso di caricare sul sito dell’Archivio Luce una selezione di 300 documentari muti: filmati rari dal 1927 al 1931, di fatto mai visti, con una sezione dedicata proprio ai viaggi nel mondo, intitolata ‘Cinemobile’.

“L’informazione cinematografica – si legge in una nota – è sempre accesa con CinecittàNews, il sito (news.cinecitta.com) che rappresenta una vera e propria agenzia d’informazione sul mondo del cinema italiano, con aggiornamenti su novità, personaggi, festival, film, interviste. Mentre Cinecittà si Mostra, l’esposizione permanente all’interno degli studi di Cinecittà, lancia la campagna social A casa con Cinecittà pubblicando speciali post sui propri profili Facebook, Instagram e Twitter con materiali scaricabili, in video e testi, per adulti e bambini dedicati ai mestieri del Cinema“.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Boosta e il suo diario di quarantena: consigli noncuranti di lettura e di ascolto per fare tesoro di questo tempo

next
Articolo Successivo

Le poesie dell’addio che forse, ognuno di noi, può dedicare a qualcuno

next