Zucchero ‘Sugar’ Fornaciari questa settimana entra per merito nel mondo disneyano, tra Paperi, Topi e giovanissimi lettori aspiranti giornalisti. Il suo personaggio preferito? Zio Paperone, e lo si evince già dalla copertina di Topolino 3358 in edicola da domani: SugarDuck e il multimiliardario paperopolese sono complici in un simpatico scambio di ruoli e di cappelli, in un duetto artistico scaturito dalla matita del disegnatore Alessandro Perina per i colori di Valeria Turati.

All’interno del settimanale edito da Panini Comics è presente anche un’appassionata intervista realizzata dal Toporeporter Filippo, a cui Zucchero ha raccontato aneddoti della sua infanzia a Roncocesi e curiosità sulla sua formazione musicale, senza esimersi da domande ”toste” sulla felicità e i sogni, e con un pensiero speciale al bisogno di genuinità, per tornare a quello che è davvero ‘D.O.C.’, citando il titolo del suo ultimo album di inediti. E proprio in questi giorni è in radio l’ultimo singolo estratto, ‘La canzone che se ne va’, di cui Zucchero racconta: “È un brano di speranza: la canzone, il canto, il cantare insieme è speranza. ‘Una luce fa luce laggiù, vedi? La canzone fa luce laggiù, vedi?’ La canzone attraversa le case, il telefono, le paure, resiste oltre le distanze, che spero si riavvicineranno presto”.

E tra una battuta e l’altra sono nati anche gli spunti per le sceneggiature di tre tavole a fumetti scritte da Francesca Agrati per i disegni di Alessandro Perina che vedono il cantante alle prese con la vita paperolese, tra la genuinità della campagna della fattoria di Nonna Papera e un’autobiografia sui generis scritta da Pico de Paperis. “È un piacere e un onore ospitare Zucchero sulle nostre pagine – racconta Alex Bertani, direttore editoriale di ‘Topolino‘ – è un artista che stimo molto anche per aver esportato la musica italiana nel mondo come pochi altri, proprio come Topolino esporta il ‘Made in Italy’ nei fumetti. E poi lui è di Roncocesi, io di Cavriago, siamo quasi compaesani!”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’ex portiere Rustu ricoverato in gravi condizioni. La moglie: “Siamo nelle mani di Allah e dei medici”

next
Articolo Successivo

Meghan Markle torna a Hollywood (con la Disney)

next