L’attivista vegana Daniela Martani è finita al centro delle polemiche su Twitter per aver dichiarato in un’intervista a La Zanzara che “i vegani hanno meno possibilità di essere contagiati” in quanto “il sistema immunitario di un vegano è molto più elevato rispetto a chi mangia carne”. Posizione che ha ribadito nelle ultime ore anche in un botta e risposta social con il virologo Roberto Burioni.

Daniela Martani ha infatti contestato il medico sostenendo che la vitamina C e la vitamina D siano importanti nella lotta contro il coronavirus e rilanciando la teoria di Stefano Montanari, già confutata da diversi esperti. “Se sfortunatamente ti infetterai, curati con le arance”, le ha replicato un utente su Twitter. Pronta la replica: “Non mi infetto, sono vegana”. E a chi le ha fatto notare che ci sono anche persone vegane tra le centinaia di migliaia di persone che hanno contratto il Covid-19, l’attivista ha spiegato di essere “andata su e giù per Milano per tutto il mese di febbraio. Sono andata in ospedale da mia madre per un intero mese durante il picco del virus e sto bene, quindi…”.

Nella discussione è così intervenuto anche il giornalista Francesco Canino: “Ma ti rendi conto della gravità delle cose che scrivi?”, le ha detto. Al che Martani ha gli ha risposto citando Ippocrate: “In un mondo carnista, la verità è dura da accettare e capisco. Persone illuminate hanno detto: ‘Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina il tuo cibo’. Ippocrate, 300 a.C. Le proteine animali sono la causa di quasi tutte le malattie non trasmissibili, che lo accettiate o no”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Musica che unisce, Tiziano Ferro, Emma, Alessandra Amoroso, Elisa e Marco Mengoni cantano per la Protezione Civile: ecco la scaletta

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Heather Parisi racconta la fine della quarantena: “Non più di quattro persone ai tavoli di ristoranti e bar”

next