Buoni spesa in regalo da 200 euro? Attenzione, è una truffa. L’ennesima ai tempi del Covid-19, che circola di chat in chat come se fosse una catena. La bufala tirava in ballo tutte le principali catene di grande distribuzione come Lidl, Coop, Carrefour, Penny Market e Aldi, anche loro “vittime” dell’iniziativa truffaldina. Nel messaggio diventato virale si legge: “L’Italia è il Paese più colpito in Europa al giorno d’oggi. I cittadini sono bloccati nelle loro case, con un accesso molto restrittivo agli acquisti. Quindi, tutti i rivenditori di generi alimentari in Italia, abbiamo deciso di creare un’avventura comune e aiutare tutta la nostra gente. Offriamo buoni gratuiti a tutti i cittadini in Italia (almeno 18 anni). Tutto quello che devi fare è completare il muggito del quiz”.

È stata la Polizia di Stato, sui social, a smentire l’iniziativa: non esiste nessun progetto da parte dei supermercati italiani in questo senso. “Attenzione a truffa Whatsapp su offerta falsi buoni per i supermercati. Se cliccate rischiate di fornire vostri dati sensibili”, hanno messo in guardia le forze dell’ordine. Vera è invece la misura del governo che riguarda trecento euro in buoni spesa per ciascun nucleo familiare in difficoltà e utilizzabili per l’acquisto di beni di prima necessità come i generi alimentari. Saranno i comuni ad acquisire e poi distribuire i buoni spesa tra “i nuclei più esposti ai rischi derivanti dall’emergenza epidemiologica”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il principe Carlo esce dall’autoisolamento: dopo 7 giorni è in “buone condizioni”

next
Articolo Successivo

Fedez: “Buone notizie! Domani il secondo reparto di terapia intensiva sarà operativo: dieci letti in più”

next