Riconversione di tutti gli stabilimenti produttivi italiani nella produzione di camici monouso destinati alla protezione individuale degli operatori sanitari impegnati a fronteggiare il coronavirus. Questo quanto farà il Gruppo Armani. E non è tutto. Armani, uno dei brand che fa del made in Italy un’eccellenza mondiale e anzi forse il più conosciuto anche nei punti più remoti della terra, ha donato inizialmente a favore della Protezione Civile e degli ospedali Luigi Sacco, San Raffaele, Istituto dei Tumori di Milano e dello Spallanzani di Roma. Ora, “re Giorgio” (così lo si chiama negli ambienti della moda, e non a caso viene da dire) ha deciso di dare il suo contributo anche all’ospedale di Bergamo, a quello di Piacenza e a quello della Versilia, arrivando così a una donazione complessiva di due milioni di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francesco Totti: “Quando incontro Ilary per casa la saluto e le chiedo ‘signora tutto bene? Le serve qualcosa?'”

next
Articolo Successivo

“Piero Chiambretti ha tenuto nascosta la positività al Coronavirus?”. Iva Zanicchi: “Cattiverie, sto davvero male”

next